Il 73% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Weekly outlook

La settimana a venire: Verbali della Fed, PIL Q1 degli Stati Uniti, risultati dello Zoom

Questa settimana negli Stati Uniti si terranno due importanti eventi economici: mercoledì verranno pubblicati i verbali della riunione di maggio della Fed e giovedì verrà confermata la contrazione a sorpresa dell'1,4% del PIL statunitense nel primo trimestre. 

Per quanto riguarda le notizie societarie, si attendono i risultati di Nvidia, Ted Baker e Zoom.

EVENTO PRINCIPALE:

Mercoledì - Verbali della Fed 

Come previsto, la Federal Reserve ha aumentato i tassi di 50 pb, portando il limite superiore del tasso di finanziamento all'1%. Si era detto che alcuni membri del comitato erano propensi a un rialzo di 75 punti percentuali, ma queste preoccupazioni sono venute meno con l'accordo di tutti i membri del FOMC su un rialzo di 50 punti percentuali.

La banca centrale ha anche definito l'inizio del programma di riduzione del bilancio, che inizierà con 47,5 miliardi di dollari a giugno e salirà a 95 miliardi di dollari al mese dopo 3 mesi. Questo potrebbe essere interpretato come un atteggiamento dovish, dato che il programma partirà da una base bassa per poi aumentare, piuttosto che arrivare a 95 miliardi di dollari subito dopo.

Il presidente della Fed Jay Powell ha anche affermato che, sulla base dei dati attuali, la Fed non ha intenzione di accelerare più di 50 pb in un solo mese, smentendo con decisione qualsiasi prospettiva che la Fed possa essere molto più aggressiva nei mesi successivi. In particolare, ha precisato che un rialzo di 75 pb non è un'ipotesi che il FOMC sta prendendo attivamente in considerazione, anche se nei commenti successivi si è guardato bene dall'escluderla del tutto.

La discussione sulla riduzione del bilancio sarà probabilmente la più interessante quando si tratterà dei verbali di questa settimana, in particolare la decisione di iniziare con 47,5 miliardi di dollari, invece di iniziare subito con una riduzione di 95 miliardi di dollari al mese.L'avvio lento di questo programma suggerisce che potrebbe esserci un po' di ansia su come questo potrebbe svolgersi nei prossimi mesi.

I recenti commenti dell'ex presidente della Fed di Richmond, Jeffrey Lacker, suggeriscono la possibilità di un'ulteriore volatilità dei mercati finanziari, con la Fed potenzialmente costretta a scegliere tra il rallentamento del ritmo dei deflussi in risposta alla volatilità del mercato e all'ampliamento degli spread creditizi, o il mantenimento di una politica restrittiva per combattere l'inflazione.

ALTRI EVENTI PRINCIPALI (16-20 MAGGIO):

LUNEDÌ 23 MAGGIO

Zoom Q1 risultati

Non c'è dubbio che Zoom sia stata una società vincente per quanto riguarda l'aumento dei ricavi grazie alla pandemia. Sfortunatamente, la performance del prezzo delle azioni è stata meno che stellare negli ultimi 18 mesi, dal picco di 588 dollari raggiunto nell'ottobre 2020. Ora è tornata ai livelli precedenti alla pandemia, sotto la soglia dei 100 dollari. Alla fine dello scorso anno il fatturato è stato di 4,1 miliardi di dollari, con un aumento del 55% rispetto all'anno precedente, e l'azienda ha guadagnato in media oltre 1 miliardo di dollari a trimestre.

Era sempre difficile eguagliare il tipo di crescita degli ultimi 12 mesi e, in un certo senso, gli investitori sono rimasti un po' delusi dalle caute previsioni per il 2023. Zoom ha dichiarato di aspettarsi un fatturato per l'intero anno compreso tra i 4,53 e i 4,55 miliardi di dollari, con utili annuali di 3,48 centesimi di dollari per azione. I profitti del primo trimestre dovrebbero attestarsi a 0,87 centesimi di dollari per azione..

MARTEDI 24 MAGGIO 

Deflatore core degli Stati Uniti (aprile)

La misura dell'inflazione preferita dalla Fed, il deflatore della spesa per consumi personali (PCE), è aumentato del 5,2% nei 12 mesi fino a marzo, ma si prevede che scenderà al 4,9% nell'anno fino ad aprile, dato che la battaglia per contenere l'inflazione sembra essere iniziata seriamente. 

Dopo aver aumentato i tassi di 25 punti percentuali a marzo, ha fatto seguito un rialzo dei tassi di 50 punti percentuali all'inizio del mese, con la promessa di un'altra mossa di 50 punti percentuali a giugno e di un successivo aumento di 25 punti percentuali. Alcuni dei dati più recenti sull'IPC sembrano indicare con un certo ottimismo che le pressioni inflazionistiche stanno iniziando a raggiungere il loro picco, anche se è ancora tutto da verificare.

Mentre l'IPC principale ha registrato un modesto calo all'8,3% in aprile, anche i prezzi alla produzione si sono dimostrati leggermente più resistenti di quanto forse i funzionari della Fed vorrebbero. L'unico aspetto positivo è che la forza del dollaro USA probabilmente agirà come un'ancora sulle pressioni inflazionistiche al rialzo. 

Indice dei direttori degli acquisti Germania/Francia

Questi numeri PMI flash stanno rapidamente perdendo credibilità, almeno per quanto riguarda i numeri principali, quando si tratta di valutare la tenuta o meno dell’ economia francese e tedesca. In termini di economia generale, è abbastanza evidente che la crescita economica è in difficoltà in tutto il blocco. I numeri PMI darebbero dare l'impressione che tutto vada bene, ma nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. L'aumento dei prezzi dell'energia e le interruzioni della catena di approvvigionamento stanno ponendo sfide significative alle imprese, sia grandi che piccole. Si prevede che i PMI manifatturieri e dei servizi rallentino rispetto ai valori di metà aprile di Regno Unito, Germania e Francia.

MERCOLEDÌ 25 MAGGIO

Verbali della Fed

Vedi evento principale, sopra.

Nvidia Q1 risultati

Solo sei mesi fa le azioni Nvidia erano scambiate a livelli record, dopo un aggiornamento del terzo trimestre che ha visto ricavi e profitti ben al di sopra delle aspettative. L'azienda ha battuto le aspettative anche nel quarto trimestre, ma sembra che più si alza l'asticella, più è difficile superare le performance. La sua previsione per il 1° trimestre di 8,1 miliardi di dollari, superiore di 900 milioni di dollari al consenso, ha visto le azioni crollare bruscamente, e sono state anche coinvolte nel grande sell off del Nasdaq, che ha visto il valore delle azioni più che dimezzarsi. Gli ultimi quattro trimestri hanno visto una crescita dei ricavi significativamente elevata, con la speranza che i numeri del primo trimestre di questa settimana ne facciano cinque di fila.

La decisione di abbandonare l'accordo con ARM dovrebbe costare a Nvidia 1,36 miliardi di dollari e, sebbene deludente, è probabilmente una decisione saggia, che consente al management di concentrarsi sulla gestione dei vari problemi della catena di approvvigionamento. Il settore dei videogiochi è ancora il più importante di Nvidia e ha registrato una crescita del 37% dei ricavi nel quarto trimestre, raggiungendo i 3,42 miliardi di dollari, ma il settore dei dati sta recuperando terreno con una crescita dei ricavi del 71% nel quarto trimestre, raggiungendo i 3,26 miliardi di dollari. Gli utili del primo trimestre dovrebbero attestarsi a 1,30 centesimi di dollari per azione. 

Snowflake Q1 risultati 

Il crollo del Nasdaq ha colpito anche il prezzo delle azioni di Snowflake, che ora è sceso di oltre il 60%. Si è trattato di un necessario aggiustamento delle aspettative per un'azienda che alla fine dello scorso anno ha registrato un fatturato annuo di 1,2 miliardi di dollari e un market cap di oltre 85 miliardi di dollari. I ricavi annuali sono aumentati di oltre il 100% rispetto all'anno precedente, ma è improbabile che l'azienda riesca ad eguagliare questo risultato in futuro. Il fatturato del quarto trimestre ha superato le aspettative, attestandosi a 383,8 milioni di dollari, mentre le perdite sono state di 132 milioni di dollari. I margini appaiono ancora sani; tuttavia, i costi sono aumentati notevolmente e, sebbene si preveda che il fatturato annuale dell'azienda salga a poco più di 2 miliardi di dollari per il nuovo anno fiscale, oltre a registrare un profitto, resta da vedere se ciò sarà sufficiente a impedire un ulteriore indebolimento del prezzo delle azioni. Il fatturato del primo trimestre dovrebbe aumentare dell'80%, raggiungendo circa 385 milioni di dollari, mentre le perdite dovrebbero attestarsi a 0,01 centesimi di dollari per azione.

GIOVEDI 26 MAGGIO

PIL Q1 USA

La prima iterazione del PIL del 1° trimestre degli Stati Uniti è stata un po' uno shock. Abbiamo assistito a una contrazione del -1,4% a fronte di un'aspettativa di espansione dell'1%, e ci si chiede come abbiano fatto i mercati a sbagliare così tanto. La contrazione a sorpresa del -1,4% del PIL annualizzato ha sollevato il timore che l'economia statunitense possa avviarsi verso un rallentamento di tipo stagflattivo e una possibile recessione, nonostante i bassi livelli di disoccupazione. Il commercio netto ha contribuito a un calo del -3,2%, mentre le scorte hanno registrato un -0,8% a causa delle interruzioni della catena di approvvigionamento. I consumi personali si sono dimostrati abbastanza resistenti, ma nei prossimi mesi dovranno affrontare delle difficoltà a causa dell'aumento dei prezzi. Non si prevedono cambiamenti sostanziali nell'aggiustamento di questa settimana.  

Ted Baker risultati annuali

Le azioni Ted Baker hanno registrato un discreto rialzo nel corso delle ultime settimane, soprattutto in seguito alle notizie di marzo secondo cui Sycamore Partners, società con sede a New York, stava valutando un'offerta per l'azienda. La strada per Ted Baker è stata lunga e difficile negli ultimi anni. In occasione dell'ultimo aggiornamento commerciale, Ted Baker ha indicato che si stavano compiendo progressi nel risollevare le sorti di un'azienda afflitta da scandali e da errori di contabilità delle scorte. L'aggiornamento commerciale del quarto trimestre ha mostrato che le vendite del gruppo sono aumentate del 35% rispetto a un anno fa e rispetto al 18% del terzo trimestre. Anche i margini sono migliorati, con un aumento di 350 pb in tutti i canali. Anche i livelli delle scorte sono migliorati, mentre le vendite nei negozi e nella vendita al dettaglio hanno mostrato segni di ripresa, in quanto i volumi hanno iniziato a tornare ai livelli pre-Covid. Sebbene il management di Ted Baker abbia infine respinto l'offerta di Sycamore Partners, che valutava l'azienda 254 milioni di sterline, l'azienda ha annunciato l'avvio di un processo formale di vendita. Resta da vedere se questo porterà qualcuno a fare un'offerta, ma il marchio Ted Baker rimane solido nonostante tutti i recenti problemi. Mentre le azioni sono a buon mercato a circa 140 pence, sarebbe un peccato se tutto il duro lavoro dell'attuale team di gestione si traducesse in un acquisto a buon mercato dell'azienda. Non dimentichiamo che nel 2018 le azioni erano a 30 sterline con una capitalizzazione di mercato di 1,3 miliardi di sterline.

VENERDÌ 27 MAGGIO

Nessun annuncio importante.

Calendario utili

LUNEDÌ 23 MAGGIO RISULTATI
Big Yellow Group (UK) Risultati annuali
Kainos (UK) Risultati annuali
Kingfisher (UK) Q1
Zoom Video Communications (US) Q1
MARTEDI 24 MAGGIO RISULTATI
Abercrombie & Fitch (US) Q1
Bytes Technology (UK) Risultati annuali
Cranswick (UK) Risultati annuali
HomeServe (UK) Risultati annuali
Petco Health & Wellness (US) Q1
Ralph Lauren (US) Q4
Shaftesbury (UK) Risultati semestrali
SSP Group (UK) Risultati semestrali
Topps Tiles (UK) Risultati semestrali
MERCOLEDÌ 25 MAGGIO RISULTATI
Dick's Sporting Goods  (US) Q1
DXC Technology (US) Q4
EnerSys (US) Q4
HICL Infrastructure (UK) Risultati annuali
Marks & Spencer (UK) Risultati annuali
Nvidia (US) Q1
Pets at Home (UK) Risultati annuali
Severn Trent (UK) Risultati annuali
Snowflake (US) Q1
Splunk (US) Q1
SSE (UK) Risultati annuali
Synairgen (UK) Risultati annuali
GIOVEDI 26 MAGGIO RISULTATI
AJ Bell (UK) Risultati semestrali
Auto Trader (UK) Risultati annuali
Costco (US) Q3
Dollar General (US) Q1
Gap (US) Q1
Johnson Matthey (UK) Risultati annuali
Ted Baker (UK) Risultati annuali
Workday (US) Q1
VENERDÌ 27 MAGGIO RISULTATI
Nessun annuncio importante  

Gli annunci dell'azienda sono soggetti a modifiche. Tutti gli eventi elencati sopra sono corretti al momento della scrittura.


CMC Markets è un fornitore di servizi di sola esecuzione. Queste informazioni (che contengano o meno opinioni) hanno solo scopo informativo e non tengono conto delle circostanze o degli obiettivi personali dell'utente. Nessuna delle informazioni contenute in questo documento è (o dovrebbe essere considerata) una consulenza finanziaria, di investimento o di altro tipo su cui si può fare affidamento. Nulla nei documenti costituisce una raccomandazione da parte di CMC Markets o dell'autore secondo cui un particolare investimento, titolo, transazione o strategia d'investimento sia adatto a una particolare persona. I materiali non sono stati preparati in conformità con i requisiti di legge volti a promuovere l'indipendenza della ricerca di mercato degli investimenti. Sebbene non sia espressamente vietato a noi trattare prima di fornire questo materiale, non cerchiamo di trarne profitto prima della sua diffusione.

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 73% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.