È  stato un grande anno per le IPO fino ad ora, con il prossimo capitolo che si aprirà oggi con Uber quando svelerà i suoi prezzi, dato che domani si aprirà per il trading generale. Quest'anno abbiamo assistito a quelle di Levi Strauss, Lyft, Pinterest, Zoom Communications, Beyond Meat e, sulla scia di Uber, c'è anche la prospettiva di IPO per Avantor e WeWork nelle prossime settimane.

Il motivo per cui la maggior parte della società piace essere quotate nel mercato azionario, oltre al desiderio di raccogliere denaro extra, è l'ulteriore credibilità che una quotazione pubblica può dare al business. Può anche essere un meccanismo utile per incentivare il personale con i premi per una buona performance sotto forma di opzioni su azioni. Questo desiderio di raccogliere denaro, così come un mercato azionario vivace, ha visto un afflusso di aziende che sono arrivate sul mercato con diversi gradi di successo.

Il problema con le IPO è che a volte gli investitori possono rimanere invischiati nell'entusiasmo per una nuova idea o azienda e non prestare attenzione ai fondamentali sottostanti di tale attività. Non tutti le IPO di questo mondo finiscono come Facebook che dopo una partenza inizialmente difficile è andata sempre più forte. Per ogni Facebook hai anche GoPro o Snap in cui le valutazioni di mercato del modello di business non avevano alcuna relazione con le attività sottostanti. Nel 2012 Facebook ha quotato con un prezzo di 38 dollari per azione e inizialmente è scivolato sotto i 20 dollari per azione prima di iniziare il rally che ha visto il suo massimo del titolo a oltre 210 dollari a metà dello scorso anno. Il rovescio della medaglia è rappresentato da GoPro che è sceso a 24 dollari per azione nel 2014, è salito a poco meno di 100 dollari per azione nelle prime settimane prima di perdere terreno per essere scambiato a poco più di 6 dollari ora. È stata una storia simile per Snap, che dopo un balzo iniziale del suo prezzo IPO di 17 dollari, ha visto le sue azioni precipitare a un minimo di 5 dollari per azione.

Il comune denominatore dietro il calo dei prezzi delle azioni in entrambi è stata l'incapacità di entrambe le società a rispettare le valutazioni esagerate assegnate loro da investitori ottimisti. In entrambi i casi le società avevano valutazioni multimiliardarie in dollari su entrate che non erano mai molto superiori a 1 miliardo di dollari. Nel caso di Snap, i suoi ricavi si sono mossi al di sopra del valore di 1 miliardo di dollari  alla fine del 2018 e non hanno ancora realizzato un profitto, eppure dovremmo credere che una valutazione di 14,5 miliardi di dollari sia giustificata.

Quindi, cosa dobbiamo pensare della direzione del cammino dell'ultima serie di IPO e delle prospettive per Lyft, Pinterest, Zoom Communications e Beyond Meat, che hanno visto una reazione mista da parte degli investitori.

Nel caso di Lyft è difficile vedere la luce alla fine del tunnel guardando i suoi numeri di ieri attraverso il prisma di un prezzo IPO di 72 dollari e una valutazione di 24 miliardi di dollari. Questa sembra sempre completamente distaccata dalla realtà e la prospettiva di una guerra dei prezzi con Uber e pochissime prove che la società riesca a realizzare un profitto in tempi brevi ha visto il sogno diventare incubo molto rapidamente, con le azioni ora appena sopra i  50 dollari. Questa valutazione continua a stimare il business a 15 miliardi di dollari su entrate totali di quasi 3,3 miliardi e perdite di 1 miliardo all'anno.

Pinterest ha avuto un debutto più positivo, attualmente scambiato ben al di sopra del suo prezzo IPO di 19 miliardi di dollari, con una valutazione superiore a 15 miliardi di dollari sui ricavi di 756 milioni di dollari. La società ha anche registrato una perdita l'anno scorso di 63 milioni di dollari e si stima che perda 414 milioni di dollari nel 2019, anche se la maggior parte di questa perdita è probabile che siano costi una tantum dovuti all'IPO. Ciononostante, i ricavi per l'intero anno dovrebbero salire a 1,1 miliardi di dollari.

Zoom Communications è il pezzo forte di questo elenco di IPO in quanto è redditizia, ha debuttato a 36 dollari per azione e ha scambiato fino a 80 dollari per azione, con una valutazione complessiva del business a oltre 20 miliardi di dollari. Un investimento molto migliore sicuramente, ma poi  guardiamo i ricavi totali e questi sono 330,5 milioni di dollari che equivalgono a profitti di 7,5 milioni, mentre il fatturato nel 2020 dovrebbe salire a 592 milioni di dollari.

Per Beyond Meat, il marchio di hamburger vegano, il mercato sembra aver perso la testa, debuttando a 25 dollari per azione, le azioni hanno raggiunto quota 85 dollari per azione nei primi giorni di negoziazione, con una valutazione complessiva del business a 4,3 miliardi di dollari, su un fatturato di 87,9 milioni e perdite di 28 milioni di dollari. Se questo non è un incidente che aspetta solo di verificarsi, non so cosa sia. Così quello che possiamo aspettarci da Uber, e anche se è sempre auspicabile aspettarsi il meglio, non si può fare a meno di pensare che ancora una volta c'è una significativa disconnessione tra la valutazione del mercato e i fondamentali effettivi, in particolare perché è probabile che ci sia una crescente pressione sui margini e la prospettiva di ulteriori interferenze normative a causa degli impatti occupazionali. Le stime sulle entrate sembrano destinate a migliorare da 11,27 miliardi di dollari a 14,18 miliardi quest'anno, ma le perdite dovrebbero salire a  5,4 miliardi entro la fine di quest'anno e diminuire solo leggermente nel 2020 a 4,1 miliardi, secondo le stime di Bloomberg. Con una valutazione che si aggira intorno agli 80 miliardi di dollari, questo sembra piuttosto esagerato e, mentre è probabile che il management benefici dell'IPO, è difficile vedere troppo margine di rialzo per chiunque altro.

Più tardi questo mese, il 17 maggio avremo anche Avantor, un'azienda chimica acquisita da Coveansen nel 2010 da una società di private equity New Mountain Capital. Sta cercando di raccogliere oltre 2 miliardi di dollari, anche se ciò dipenderà dal prezzo dell'IPO che otterrà. L'azienda fornisce servizi e prodotti nel settore dell'istruzione, della sanità e dei biofarmaci e mentre sembra aver visto una crescita dei ricavi dignitosa, 5,8 miliardi di dollari nel 2018, in gran parte a causa di acquisizioni, non ha realizzato un profitto negli ultimi tre anni. Ha anche molto debito, 6,7 miliardi di dollari per essere precisi, con circa  3 miliardi di dollari di debito nei prossimi cinque anni e non è immediatamente chiaro a cosa serviranno i fondi dell'IPO.

Guardando avanti, WeWork, che potrebbe avere una valutazione di 47 miliardi di dollari, sembra bruciare molta liquidità e la sua valutazione appare anche estremamente ottimistica. Anche il grande investitore Softbank ha ridotto le dimensioni del suo investimento di recente, poiché il suo modello di spazi di lavoro condivisi è oggetto di un ampio scrutinio. Questo modello ha funzionato bene qui nel Regno Unito, con Workspace Group un attore chiave in questo settore. La sua valutazione tuttavia è molto più bassa a 1.7 miliardi di pound su entrate di 140 mlioni e profitti di 55 milioni.

Quando gli investitori sono alla ricerca di una società che potrebbe diventare la prossima Amazon, non apprezzano il fatto che Amazon non abbia avuto una valutazione multimiliardaria quando è entrata nel mercato azionario 22 anni fa. Al momento della sua quotazione in Borsa il 15 maggio 1997 la sua capitalizzazione di mercato era di 300 milioni di dollari e il suo prezzo azionario era di 18 dollari per azione, quindi c'era un rischio decisamente minore per investire in una società che non era affatto vicina al suo potenziale. Il problema con la maggior parte di queste valutazioni IPO è che il potenziale è abbastanza scontato nel prezzo, il che significa che eventuali delusioni rischiano di vedere una revisione abbastanza rapida da parte degli investitori quando scoppierà la bolla dell'ottimismo.

Fonte : CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 09/05/2019

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.