Il 73% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Weekly outlook

La settimana a venire: Decisioni sui tassi della BCE e della RBA; IPC USA; risultati della BAT

L'inflazione e i tassi di interesse sono di nuovo all'ordine del giorno questa settimana. Negli Stati Uniti, la pubblicazione dei nuovi dati sull'IPC di venerdì mostrerà che l'inflazione è diminuita ulteriormente a maggio. Prima di ciò, la banca centrale australiana è pronta ad aumentare il tasso di liquidità per il secondo mese consecutivo martedì, mentre la Banca Centrale Europea dovrebbe delineare un percorso verso un aumento dei tassi a luglio durante la riunione di giovedì.

In una settimana di risultati societari poco significativi, presentiamo in anteprima gli aggiornamenti sugli utili di British American Tobacco, Docusign e Brown-Forman

EVENTO PRINCIPALE:

Giovedì - Decisione sui tassi della RBA 

L'inflazione complessiva nell'UE ha continuato a salire negli ultimi mesi, aumentando la pressione sul Presidente della BCE Christine Lagarde e sugli altri membri del Consiglio direttivo affinché esaminino la prospettiva di un aumento dei tassi nella riunione di luglio. I responsabili politici della BCE sono stati trascinati a questo punto, con i membri settentrionali dell'area dell'UE che hanno aumentato la pressione mentre l'indice dei prezzi al consumo si muoveva verso livelli che non si vedevano dagli anni Novanta. È sempre sembrato un po' inverosimile quando la BCE ha escluso la prospettiva di non aumentare i tassi nel 2022 alla fine dello scorso anno, e anche senza l'invasione russa dell'Ucraina, l'inflazione negli Stati baltici era già molto più alta della media dell'UE.

La riunione di giugno di questa settimana dovrebbe offrire alla BCE l'opportunità di delineare un percorso politico già scontato dai mercati, con un aumento dei tassi di 25 punti percentuali previsto per luglio e settembre. Non ci sarà una mossa questa settimana, dato che Christine Lagarde ha già suggerito che una mossa a luglio è un “slam dunk”  il che significa che l'attenzione questa settimana si concentrerà sul fatto che lei pensa che una mossa a zero sia possibile a settembre. 

La scorsa settimana, l'IPC della Spagna è salito all'8,5%, mentre quello della Germania è salito ancora, superando l'8% per la prima volta dall'inizio degli anni Novanta. Si tratta comunque di livelli bassi rispetto a quelli dell'Estonia (18,8%) e della Lituania (16,8%).   

ALTRI EVENTI PRINCIPALI (06 GIUGNO-10 GIUGNO):

LUNEDÌ 06 GIUGNO

Nessun annuncio importante.

MARTEDI 07 GIUGNO

Decisione sui tassi della RBA 

A maggio, la Reserve Bank of Australia ha sentito il bisogno di mettere da parte le preoccupazioni di influenzare le elezioni federali del 21st maggio, aumentando il proprio tasso di riferimento dallo 0,1% allo 0,35% - una mossa che era già attesa da tempo. Questa mossa, che è stata la prima volta che la RBA ha aumentato i tassi in oltre 10 anni, è stata una risposta alle preoccupazioni per l'aumento dei prezzi, mentre la banca ha anche aumentato le sue previsioni sull'inflazione e ridotto le previsioni sul PIL. Naturalmente non avrebbe dovuto prendere questa difficile decisione se all'inizio dell'anno non avesse tergiversato sul fatto che l'inflazione fosse transitoria, mentre era sempre più evidente che l'aumento della pressione inflazionistica era tutt'altro. 

A rischio di essere troppo critici, non sono stati gli unici a comportarsi in questo modo, tuttavia la RBNZ è sembrata riconoscere abbastanza presto che non tutto era come sembrava. La RBNZ ha iniziato il suo ciclo di rialzi dei tassi nell'ottobre dello scorso anno e da allora li ha aumentati costantemente, passando dallo 0,25% dell'agosto dello scorso anno all'attuale 2%, con la prospettiva di altri 50 pb a luglio. L'attuale differenziale di tasso di 165 pb si ridurrà probabilmente quando la RBA si riunirà questa settimana e, dopo aver visto la banca centrale alzare i tassi il mese scorso, sembra certo che li alzerà ancora questa settimana, con l'unico dibattito se fare 50 pb o portare il tasso di liquidità all'1%, con una mossa di 65 pb. Il PIL australiano del 1° trimestre dovrebbe registrare un aumento dello 0,6%, mentre la disoccupazione è al 3,9%.

British American Tobacco T2 risultati

Il titolo British American Tobacco ha registrato un'ottima performance quest'anno, con un aumento di oltre il 25% su base annua. A febbraio, l'azienda ha comunicato un fatturato di 25,7 miliardi di sterline per l'intero anno, leggermente al di sotto delle aspettative, con un calo dello 0,4% rispetto all'anno precedente. Il calo dei ricavi non è stato favorito nel primo semestre dalla riduzione delle vendite negli aeroporti e negli hub di trasporto, che hanno visto diminuire le vendite di tabacco. Il lato positivo è che i ricavi delle nuove categorie sono aumentati del 42,4%, superando di poco i 2,1 miliardi di sterline e mantenendo l'obiettivo di raggiungere i 5 miliardi di sterline di ricavi delle nuove categorie entro il 2025 e 50 milioni di consumatori di prodotti non combustibili in tutte le loro attività entro il 2030.

L'azienda è ancora in perdita; tuttavia, le perdite hanno continuato a ridursi, scendendo del 9% a 100 milioni di sterline. Il fatturato del vapore è aumentato del 59%, con Vuse che è il marchio leader del vapore per quota di valore a livello globale. Gli utili ante imposte dell'intero anno sono stati di 9,16 miliardi di sterline e l'azienda ha dichiarato di voler riacquistare 2 miliardi di sterline di azioni.

 A marzo l'azienda ha annunciato il ritiro dalla Russia, avviando il processo di trasferimento delle attività un distributore locale. Inoltre, ha ridotto le previsioni di crescita del fatturato annuale al 2%-4%. In occasione della recente assemblea generale, è stato riferito che nel 1° trimestre la base di consumatori di prodotti non combustibili è aumentata di altri 1,1 milioni, raggiungendo i 19,4 milioni, mantenendo l'obiettivo di fatturato per le nuove categorie.

MERCOLEDÌ 08 GIUGNO

Brown-Forman T4 risultati

Le azioni Brown-Forman hanno subito un lento declino negli ultimi 12 mesi, nonostante l'aumento delle vendite su base trimestrale e annuale. Nel terzo trimestre, le vendite nette sono aumentate del 14% a soli 1,03 miliardi di dollari, mentre l'EPS è salito a 0,54 centesimi di dollari per azione. Su una base di nove mesi, le vendite nette sono aumentate dell'11%, a 2,94 miliardi di dollari, ma sembra che l'aumento dei costi, dovuto principalmente alle interruzioni della catena di approvvigionamento e all'aumento dei costi dei fattori produttivi legati al grano e all'agave, stia incidendo sui profitti. I profitti sono diminuiti del 12% rispetto all'anno scorso, soprattutto perché erano stati incrementati dalla vendita dei marchi Canadian Mist e Collingwood un anno fa. Per l'intero anno, la crescita organica dei profitti dovrebbe aumentare dal 12% al 16%. L'aumento dei costi dovrebbe far crescere le spese operative organiche del 7%-9%. Gli utili dovrebbero attestarsi a 0,27 centesimi di dollari per azione.       

GIOVEDI 02 GIUGNO

Decisione sui tassi della BCE

Vedi evento principale, sopra.

Commercio cinese (maggio)

La politica cinese di è destinata a rendere sempre più difficile il raggiungimento dell'obiettivo del 5,5% del PIL per il 2022. Ne abbiamo già visto gli effetti nei numeri del PIL del 1° trimestre e le varie chiusure e restrizioni imposte a Shanghai e Pechino sono destinate a rallentare ulteriormente l'economia nel 2° trimestre.

Nei numeri di aprile abbiamo visto i continui effetti delle interruzioni della catena di approvvigionamento, dei rallentamenti della produttività e delle restrizioni sull'attività economica. I numeri di marzo sono stati deludenti e quelli di aprile non sono stati molto migliori, con le importazioni in calo dello 0,1% a marzo e invariate ad aprile. Anche le esportazioni sono state deludenti, con un 3,9%, in netto calo rispetto al 14,7%, a causa delle difficoltà di trasporto e delle interruzioni portuali che hanno influito sul flusso di beni e servizi.

Sebbene si sia sentito parlare di un modesto allentamento delle restrizioni in alcune zone di Shanghai, è probabile che i vari arretrati richiedano ancora del tempo per essere smaltiti, il che suggerisce che il secondo trimestre dell'economia cinese dovrebbe registrare una performance ancora peggiore del primo.

DocuSign T1 risultati

Un altro esempio di vincitore di una pandemia in cui l'entusiasmo si è esaurito in modo spettacolare dopo i massimi storici dell'agosto dello scorso anno. A dicembre le azioni sono crollate dopo che la società ha abbassato le previsioni di fatturato per il quarto trimestre a 557 milioni di dollari e 563 milioni di dollari. A marzo, le azioni sono scese ulteriormente nonostante i ricavi del quarto trimestre abbiano battuto le previsioni di 20 milioni di dollari, attestandosi a 580 milioni di dollari. Il fatturato dell'intero anno è salito a 2,1 miliardi di dollari, con un aumento del 45% rispetto all'anno precedente. Il problema è stato ancora una volta la guidance: l'azienda ha dichiarato di aspettarsi una crescita piatta dei ricavi per il 1° trimestre, pari a 580 milioni di dollari, inferiore alle stime di 594 milioni di dollari.

Per l'intero anno fiscale, DocuSign ha dichiarato di aspettarsi una crescita dei ricavi molto più lenta, con un aumento a 2,47 miliardi di dollari, che, pur rimanendo una cifra decente, rappresenta un balzo molto più contenuto rispetto alle aspettative. Come per la maggior parte delle relazioni sugli utili, DocuSign ha buone probabilità di battere le aspettative, ma è più che probabile che venga giudicata in base alle sue indicazioni, anche se le azioni sono tornate ai livelli pre-pandemici. Gli utili dovrebbero attestarsi a 0,46 centesimi di dollari per azione.

VENERDÌ 27 MAGGIO

IPC statunitense 

La recente debolezza del dollaro e dei rendimenti sembra suggerire che l'IPC statunitense possa aver raggiunto il suo picco. Ci sono alcune prove che anche l'inflazione core PCE abbia raggiunto il suo picco, essendo scesa dal 5,2% al 4,9% a maggio, il secondo mese consecutivo di calo, dopo aver toccato il 5,3% a febbraio. Naturalmente, non esistono due misure dell'inflazione uguali e l'IPP è rimasto resistente. L'IPC statunitense ha mostrato segni di rallentamento in aprile, ma non così tanto come ci si aspettava. I prezzi core sono scesi al 6,2% dal 6,6%, mentre i prezzi headline sono scesi all'8,3% dall'8,5%.

Gli aumenti dei prezzi in altre aree dell'economia suggeriscono che le pressioni sui prezzi sono molto più diffuse che non solo nel settore dell'energia, sollevando preoccupazioni sul fatto che potrebbe essere necessario un po' più di tempo per mettere sotto controllo l'inflazione, con l'unico lato positivo che non è aumentata rispetto a marzo. Questa vischiosità dovrebbe prevalere nei dati di maggio: l'inflazione complessiva dovrebbe rallentare dall'8,3% all'8,2%, mentre i prezzi di dovrebbero scendere più rapidamente, dal 6,2% al 5,9%.   

Calendario utili

LUNEDÌ 6 GUIGNO RISULTATI
Gitlab (US) Q1
Jadestone Energy (UK) Q4
MARTEDI 7 GUIGNO RISULTATI
Academy Sports & Outdoors (US) Q1
British American Tobacco (UK) Q2
Casey's General Stores (US) Q4
ReneSola (US) Q1
MERCOLEDÌ 8 GUIGNO RISULTATI
AVEVA Group (UK) Risultati annuali
Brown-Forman (US) Q4
Campbell Soup (US) Q3
Workspace Group (UK) Risultati annuali
GIOVEDI 9 GUIGNO RISULTATI
CMC Markets (UK) Risultati annuali
DocuSign (US) Q1
Lakeland Industries (US) Q1
Mitie Group (UK) Risultati annuali
Tate & Lyle (UK) Risultati annuali
VENERDÌ 10 GUIGNO RISULTATI
FuelCell Energy (US) Q2

Gli annunci dell'azienda sono soggetti a modifiche. Tutti gli eventi elencati sopra sono corretti al momento della scrittura.


CMC Markets è un fornitore di servizi di sola esecuzione. Queste informazioni (che contengano o meno opinioni) hanno solo scopo informativo e non tengono conto delle circostanze o degli obiettivi personali dell'utente. Nessuna delle informazioni contenute in questo documento è (o dovrebbe essere considerata) una consulenza finanziaria, di investimento o di altro tipo su cui si può fare affidamento. Nulla nei documenti costituisce una raccomandazione da parte di CMC Markets o dell'autore secondo cui un particolare investimento, titolo, transazione o strategia d'investimento sia adatto a una particolare persona. I materiali non sono stati preparati in conformità con i requisiti di legge volti a promuovere l'indipendenza della ricerca di mercato degli investimenti. Sebbene non sia espressamente vietato a noi trattare prima di fornire questo materiale, non cerchiamo di trarne profitto prima della sua diffusione.

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 73% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.