I tre mesi fino alla fine di maggio hanno visto il prezzo dei titoli azionari di Twitter salire di più rispetto ai concorrenti tecnologici Facebook, Apple e Netflix, con le quotazioni della piattaforma di social media che sono aumentate del 18.39%.

In confronto, Facebook ha visto solo un rialzo in tre mesi del 10% e Apple solo dell'1,1%. Nel frattempo, Netflix è finto in ribasso e il prezzo delle sue azioni si è contratto del 4% nello stesso periodo. Una società che Twitter non ha superato è Snap, che ha guadagnato il 21,32% nello stesso periodo dopo aver aggiunto 2 milioni di utenti attivi su base giornaliera nel primo trimestre del 2019.

Prendendo una visione più generale, il prezzo delle azioni di Twitter è persino riuscito a sovraperformare l'indice S&P 500 e il NASDAQ, entrambi rimasti piatti negli ultimi tre mesi, prima di crollare rispettivamente dello 0,29% e dell'1,66% dalla fine di maggio. Le azioni di Twitter hanno raggiunto il massimo di nove mesi a 40,80 dollari il 3 maggio, ma sono calate di oltre il 10% a 36,44 dollari prima della chiusura del mese.

Twitter performance a 1 anno, CMC Markets, 04 giugno 2019

Il fatto che Twitter sia rimasto indietro rispetto ai titoli dei social media come Facebook e Weibo da anni rende la crescita recente della società particolarmente intessando.

 

Cosa sta guidando la crescita di Twitter?

 

I risultati di primo trimestre del 2019 di Twitter sono in gran parte la causa dei suoi recenti rialzi. Quando il social media ha annunciato i suoi ultimi risultati il 23 aprile, ha battuto le aspettative degli analisti in termini di entrate, engagement pubblicitario e aumento di utenti attivi su base giornaliera (DAU) e mensile (MAU).

Le azioni sono balzate addirittura del 15% dal momento che Twitter che ha registrato un fatturato di 787 milioni di dollari per il trimestre, in aumento di circa il 20% su base annua e un numero DAU di 134 milioni, contro la stima di 128,4 milioni.

Il MAU si è attestato a 330 milioni - in calo rispetto al trimestre precedente, ma ancora di oltre 11 milioni più del previsto. I ricavi pubblicitari hanno totalizzato 679 milioni di dollari, con un aumento del 18% su base annua, mentre gli annunci pubblicitari sono aumentati del 23% su base annua.

Capitalizzazione di mercato

26.39 miliardi di dollari

PE ratio (trailing)

19.95

EPS (trailing)

1.73

Crescita trimestrale degli utili (anno su anno)

212.80%

Twitter metriche finanziarie chiave, Yahoo finance, 04 giugno 2019

Questi risultati recenti fanno parte di una traiettoria di crescita dei ricavi a più lungo termine per l'azienda. Twitter ha continuato a battere consecutivamente le aspettative sui ricavi da oltre un anno e continua a vedere una forte tendenza positiva degli utili, più che raddoppiando il suo utile per azione nel 2018 a 0,37 dollari per azione.

Ci si aspetta che questa crescita debba continuare. La società prevede una crescita del 24% degli utili per l'anno fiscale 2019 e un solido tasso di crescita dei ricavi, che nel corso dei precedenti tre trimestri è stato del 24%, 29% e 24% rispettivamente.

Con la corsa alle presidenziali dietro l'angolo, Twitter potrebbe essere sulla buona strada per un ulteriore sostegno alle sue quotazioni: la controversa campagna presidenziale di Donald Trump nel 2016 ha aumentato drasticamente il traffico per il social network. Si prevede che la corsa presidenziale del 2020 sarà qualcosa di simile.

 

Gli investitori di lungo corso sono ricompensati

 

Tra il 2014 e il 2016, Twitter ha avuto difficoltà a guadagnare slancio. Per tre anni il suo utile per azione è rimasto sotto i 16 centesimi di dollaro, con pochi segnali di crescita reale all'orizzonte. Durante questo periodo, i dubbi sul futuro dell'azienda e le speculazioni di una potenziale acquisizione da parte di altri giganti del settore tecnologico hanno smorzato le opinioni degli investitori sul titolo.

Ora, sembra che i sostenitori di Twitter a lungo termine siano finalmente stati ripagati, dal momento che la società tecnologica si sta rafforzando sempre più.

Zacks attualmente classifica Twitter come un "buy", indicando le sue forti prospettive di crescita degli utili e il fatto che l'azienda sta già superando gli altri titoli del settore Computer and Technology finora quest'anno. Il rapporto P/E di Twitter è un solido 21.11, leggermente inferiore al 26,34 di Facebook e superiore a quello di Weibo a 15,17. È ampiamente previsto, tuttavia che il P/E della società di social media continuerà a salire fino a 39,22, superiore a entrambi i suoi principali concorrenti.

Pur elogiando questa performance alcuni analisti sono ancora riluttanti ad etichettare Twitter come un vero e proprio "buy" fino a quando non confermerà questi risultati nel lungo termine. Scrivendo su Seeking Alpha, Taylor Dart che considera Twitter un "hold" dice: "Continuo a monitorare il titolo per un potenziale ingresso perchè sono incoraggiato dai fondamentali forti, ma è essenziale che i tori giochino in difesa se il mercato mostrasse più debolezza".

Mentre gli ultimi tre mesi sono stati buoni per Twitter, le cifre per l'intero anno continuano a posizionare i concorrenti prima della piattaforma. L'aumento di prezzo da inizio anno di Twitter è pari al 26,48% rispetto al 30,8% di Facebook e al 105,35% di Snap.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 04/06/2019

----------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.