crude oil

Il prezzo del petrolio è in salita per il terzo giorno consecutivo.

A sostenere le quotazioni sono state ancora una volta le tensioni esplose in Medio Oriente (La situazione è progressivamente peggiorata domenica, dopo l’attacco ad alcune petroliere saudite situate nel Golfo e recentemente Trump ha annunciato la cancellazione delle esenzioni che fino ad oggi hanno permesso ad alcuni Paesi di acquistare petrolio iraniano dopo le sanzioni) che hanno oscurato l’inatteso balzo delle scorte statunitensi  (le giacenze sono aumentate inaspettatamente di 5,431 milioni di barili)

Il Brent è quindi tornato a 72 dollari al barile e il Wti a 62 dollari.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 16/05/2019

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.