E’ la riunione della Bce con l’annuncio dei tassi d’interesse a catturare l’attenzione degli investitori. Draghi tornerà a illustrare le valutazioni della Bce nella conferenza stampa esplicativa delle 14 e 30. Mentre alle 13 e 45 verranno comunicate le decisioni su tassi di interesse e altre misure di politica monetaria, da cui non è attesa alcuna novità dopo le decisioni del 14 giugno. Attualmente i mercati stanno valutando il mese di ottobre 2019 come la probabile data per qualsiasi mossa, alcuni dei dati più recenti suggeriscono che l'economia sta iniziando a decelerare e ciò  giustificherebbe una certa cautela da parte della Banca centrale europea, tanto che il presidente della BCE Mario Draghi proverà a mantenere la dichiarazione e la conferenza stampa odierna sul tono del "copia e incolla" delle ultime riunioni in modo da mantenere la valuta euro entro il range 1.1500 / 1.2000 in cui si muove dalla fine di aprile.

Borse asiatiche in rosso, appesantite dal rinforzo dello yen sul dollaro e dal settore tech dopo che Facebook  ieri ha perso il 25% della capitalizzazione in seguito ai conti e alla guidance ribassista in seguito allo scandalo sulla privacy dei mesi scorsi. Alle ore 7:40 italiane Il Nikkei, a fine corsa, perdeva lo 0,17%, mentre Hong Kong cedeva lo 0,81% e Shanghai era in rosso per lo 0,8%. Oro in leggera flessione a 1.239,9 dollari l'oncia (-0,09%), petrolio Wti americano stabile a 69,39 dollari il barile. Intanto proprio dal fronte macro non è arrivato un buon dato dalla Germania: l'indice Gfk sulla fiducia dei consumatori tedeschi per il mese di agosto è sceso a sorpresa, per i timori che la disputa commerciale tra Stati Uniti e la Cina possa avere conseguenze anche sulla prima economia europea. L'indice, basato su un'indagine che coinvolge duemila tedeschi, è sceso a 10,6 da 10,7 di luglio, mentre le attese degli economisti prospettavano una lettura invariata.

Anche l'Istat pubblicherà stamani gli indici di fiducia di consumatori e imprese a luglio. E' prevista una contrazione dell'indice di fiducia dei consumatori a 115,9 da 116,2 in giugno. Invece è previsto un miglioramento per la fiducia delle imprese a 105,4 da 104,6.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 26/07/2018

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.