Europa

Il FTSE 100 è oggi il miglior indice europeo con le migliori performance grazie al rally delle azioni petrolifere. Il benchmark azionario britannico ha un'esposizione sproporzionatamente ampia al settore energetico, e l'accellerzione di BP e Royal Dutch Shell lo ha reso il mercato di spicco in Europa. Il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo nucleare iraniano ha mandato il mercato del petrolio a nuovi massimi pluriennali, e i maggiori titani del petrolio ne stanno raccogliendo i frutti.

Acquisti su Vodafone dopo che la società ha dichiarato l'acquisto di beni da Liberty Group, per un valore di 16,1 miliardi di sterline. La transazione richiede l'approvazione da parte delle autorità di regolamentazione, ma se dovesse andare avanti Vodafone rileverebbe asset in Germania, Ungheria, Romania e Repubblica Ceca. Lo stato frammentato del mercato europeo delle telecomunicazioni ha dato a Vodafone la motivazione di intraprendere la strada delle acquisizioni, poiché sarebbe in grado di offrire ai consumatori offerte più competitive. Vodafone prevede 1,5 miliardi di euro di sinergie derivanti dalla transazione. Il prezzo delle azioni di Vodafone è aumentato dello 0,9% oggi e se dovesse superare la media mobile a a 200 giorni posta a 216 penny, potrebbe raggiungere il valore di 230 penny.

Il miliardario belga Albert Frere ha annunciato che sta vendendo la sua partecipazione del 6,6% in Burberry, e questo ha messo sotto pressione il titolo. Il signor Frere non ha fornito una motivazione per la dismissione, ma vista la dimensione della transazione, ha generato alcune onde d'urto. All'inizio dell'anno, Burberry ha annunciato un aumento del 2% delle vendite anno su anno nel terzo trimestre e la casa di moda ha ribadito la sua guidance per la fine anno. Le azioni di Burberry sono aumentate di oltre il 25% dai minimi di febbraio, quindi potrebbe essere solo una questione di timing per il signor Frere.

Stati Uniti

 I principali mercati azionari statunitensi sono in rialzo sebbene non di molto. Anche se il presidente Trump ha rispettato la sua promessa e si è ritirato dall'accordo con l'Iran, i trader sono ancora un po' cauti. L'umore geopolitico generale non è migliorato e gli investitori non sono ancora ottimisti. I prezzi alla produzione sono scivolati in aprile al 2,6%, dal 3%, con gli economisti che si attendevano il 2,8%. Anche l'indice core è scesa al 2,3% dal 2,7% e il consenso era del 2,4%. L'indice core sottolinea il calo della domanda e questo potrebbe portare a una domanda dei consumatori più debole. I trader restano ancora divisi sulla questione se la Federal Reserve aumenterà i tassi di interesse due o tre volte quest'anno, e i dati odierni intorpidiscono ancora di più le acque.

Forex

L'EUR/USD è stato risollevato dal pullback del dollaro. L'euro è stato più debole questa mattina alla luce dei deludenti numeri di produzione industriale francese. A marzo, la produzione industriale è diminuita dello 0,4%, mentre gli economisti si aspettavano un aumento dello 0,4%. Ciò dipinge un quadro del declino dello slancio economico nella zona euro. La grazia salvifica per la moneta unica è la flessione del dollaro.

Il dollar index ha toccato ancora un altro massimo per il 2018 questa mattina prima che iniziassero le prese di profitto. I dati dei prezzi alla produzione degli Stati Uniti più deboli del previsto hanno spinto il biglietto verde ad una sessione negativa, perchè l'inflazione potrebbe raffreddarsi. Se i prezzi alla produzione stanno rallentando, potremmo vedere la stessa cosa anche i costi per i consumatori.

La coppia USD/CAD è scesa a causa delle prese di profitto sul dollaro e dell'impressionante rapporto sui permessi di costruzione canadesi ha ampliato il movimento. I permessi di costruzione a marzo sono saliti del 3,1%, un numero di tutto rispetto, dato che gli economisti si aspettavano un aumento del 2%.

Commodities

L'oro è stato sostenuto dall'indebolimento del dollaro statunitense. Il metallo è ancora al di sopra della sua media mobile a 200 giorni a 1.305 dollari e, se dovesse rimanere al di sopra di tale parametro, la sua prospettiva rimarrà probabilmente positiva. Negli ultimi mesi l'oro è stato limitato in un trading range nella quale l'area di 1350 $ sembra essere la parte alta del range.

Il WTI e il Brent hanno toccato nuovi massimi da 42 mesi, poiché i trader temono che l'offerta subirà un impatto a causa del ritiro degli Stati Uniti dall'accordo con l'Iran Gli Stati Uniti stanno cercando di reintrodurre sanzioni su una delle più grandi nazioni produttrici di petrolio del mondo, il che sta alimentando gli acquisti.

Il mercato petrolifero era già in rialzo oggi e le cifre dell'EIA hanno mostrato che le scorte di petrolio e benzina negli Stati Uniti sono diminuite di più del previsto. I trader stavano anticipando un declino di 1 milione di barili nelle scorte di petrolio, ma è sceso di 2,19 milioni di barili.

 

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation Performance nette al 09/05/2018

---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.