Nessuna novità particolare è emersa dalla riunione della BCE, che si è tenuta nella giornata di ieri, con i tre principali tassi che sono rimasti invariati, senza che sia stata rivista la forward guidance della BCE. Durante la conferenza stampa Draghi è apparso seccato dalle parole del segretario al tesoro Stephen Mnuchin di mercoledì sull’andamento del dollaro, evidenziando come le parole di Mnuchin hanno finito per provocare un aumento di volatilità sul mercato dei cambi, in contraddizione con quanto concordato durante il vertice di ottobre del Fondo Monetario Internazionale.

Durante la conferenza stampa Draghi ha sottolineato il positivo andamento dell’economia nell’Eurozona, anche se il debole andamento dell’inflazione non consente al momento di immaginare un rialzo dei tassi d’interesse nel corso di questo anno. L’accento posto da Draghi sulla crescita dell’Eurozona ha sostenuto l’euro, che si è portato nel corso della seduta al di sopra della soglia psicologica di 1.25 $, salvo poi ritracciare.

Il ritracciamento è stato causato principalmente da un’intervista di Trump rilasciata alla CNBC a margine del World Economic Forum di Davos, durante la quale ha dichiarato che il dollaro si rafforzerà in linea con la crescita dell’economia europea. Inoltre ha tenuto a sottolineare come le parole del giorno precedente di Mnuchin sono stata mal interpretate. Lo stesso Mnuchin ha tenuto a precisare come un dollaro forte sarebbe comunque desiderabile per attirare invetimenti esteri sui Treasury.

Nel frattempo gli indici americani nella giornata di ieri hanno aggiornato i loro massimi storici, mentre l’azionario europeo ha trovato maggiori difficoltà. Per oggi alle 14.00 è in programma l’intervento di Donald Trump a Davos in occasione del World Economic Forum, mentre alle 10.30 avremo la pubblicazione del Pil per il Regno Unito, da cui è attesa una crescita su base annua dell’1.4%, in leggero calo rispetto al + 1.5% del mese di ottobre.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 26/01/2018

-----------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">cfds">cfds">cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.