Il rialzo dei titoli tecnologici ha continuato ad essere il carburante che ha riportato i il Nasdaq a livelli record, e l'S & P500 e il Dow Jones vicini ai massimi storici.
Nel caso dell' S & P500 e del Dow non abbiamo ancora raggiunto i livelli record che abbiamo registrato a settembre dello scorso anno e per questo gli investitori rimangono ancora cauti.

I mercati asiatici hanno aperto in positivo, per poi virare in territorio negativo dopo i dati delufenti di LG che ha registrato una perdita più grande del previsto nel primo trimestre, di $ 115 milioni. All'inizio di questa settimana anche Samsung aveva pubblicato una trimestrale deludente. Questa divergenza di performance tra la tecnologia statunitense e quella asiatica sottolinea il migliore stato di salute dell'economia USA rispetto a quella orientale.

A causa della debolezza in Asia, i mercati europei hanno ritracciato dopo aver registrato ieri un messimo di periodo importante.

Il DAX sta sovraperformando, aiutato dalle buone trimestrali di SAP e Wirecard, con le azioni di Wirecard in luce grazie alla decisione di Softbank di voler investire 1 miliardo di euro nella società sotto forma di obbligazioni convertibili.

Si apprezzano anche i titoli di SAP grazie ai risultati del primo trimestre dell'anno risultati migliori del previsto e le prospettive sui ricavi in crescita. È stato inoltre reso noto che il fondo Elliott Management ha preso una quota del business, affermando che l'attività è sottovalutata.

Come nella maggior parte dei trimestri, l'ultimo aggiornamento di Associated British Foods tende a concentrarsi sulle attività di vendita al dettaglio, piuttosto che sulle attività nel settore alimentare e dello zucchero, dato il difficile contesto attuale dei consumatori.
L'utile prima delle imposte si è attestato a 515 milioni di sterline, con un calo del 15%, anche se i ricavi del gruppo sono aumentati dell'1% a 7.53 miliardi di sterline, con il settore dello zucchero che ancora una volta ha agito come anello debole, poiché i ricavi hanno mostrato un calo del 13% a £ 769m.

L'attività di Primark è rimasta robusta con un fatturato totale di 3,63 miliardi di sterline e un aumento delle vendite del 4%, mentre gli utili operativi corretti sono saliti del 25% a 426 milioni di sterline. Per quanto riguarda le prospettive, la gestione è rimasta ottimista affermando di aspettarsi che i profitti aumentino ulteriormente, riducendo i ribassi e diminuendo le scorte in magazzino.

Nonostante non abbia una presenza online, Primark ha dimostratoche il settore del commercio al dettaglio non è in crisi se conosci il tuo mercato e mantieni il controllo dei tuoi costi e del tuo inventario.

Dall'altra parte della medaglia, il rivenditore online Boohoo Group, senza le spese legate ai negozi fisici d iPrimark, ha visto i profitti al lordo delle impostea 59,9 milioni di sterline, inferiori rispetto alle aspettative di 67 milioni, nonostante abbia registrato entrate superiori alle attese di 856,9 milioni di sterline.
Nonostante le alte aspettative, si tratta comunque di una buona serie di dati con utili ancora in crescita del 38%, in quanto i marchi secondari hanno continuato ad aggiungere valore al gruppo (come ad esempio PrettyLittleThing) registrando una discreta crescita delle vendite e dei profitti.

Buone notizie per Credit Suisse, dopo che la banca ha registrato un aumento degli utili netto dell'8% nel primo trimestre, aiutata da un aumento del 12,5% dei ricavi trimestrali a 5,4 miliardi di franchi. Avendo il gruppo bancario trascorso gli ultimi tre anni a ristrutturare il business per concentrarsi su aree come la gestione patrimoniale e riorganizzare il business del trading a rischio più elevato, finalmente sembra raccogliere i frutti.

La divisione investment banking è ancora sottoperformante, in linea con i suoi omologhi statunitensi, tuttavia non si può prescindere dal fatto che l'anno scorso, dopo essere tornati all'utile annuale, l'attività sembra essere entrata nella giusta direzione, anche se le condizioni del trading rimangono difficili.

I mercati degli Stati Uniti, dopo essere andati vicino ai massimi storici, potrebbero aprire leggermente in ribasso oggi.
Oggi sono attese diverse trimestrali con Boeing, prima della campanella di apertura, oltre a Microsoft, Tesla e Facebook.

L'aggiornamento della prima trimestrale di oggi dovrebbe mostrare in buona parte la situazione di Boeing nel contesto dei danni finanziari causati dai problemi di 737 MAX 8 sui ricavi e sulle previsioni dell'azienda. La compagnia ha già rallentato la produzione dell'aeromobile e potrebbe dover accantonare somme ingenti per gli aeromobili con messa a terra, nonché compensare le vertenze nei prossimi mesi. La probabilità che l'aereo ritorni in aria in tempi brevi è diminuita nelle ultime settimane, a causa dell'enorme danno prodotto dai recenti eventi.

Lo scorso anno il business degli aeroplani commerciali ha visto Boeing consegnare la cifra record di 806 l'anno scorso con l'aspettativa che il 2019 sarebbe stato ancora migliore, con un massimo di 900 velivoli attesi. Questo obiettivo sembra sempre più improbabile e dato che l'aereo rappresenta il 30% dei profitti della compagnia è probabile che questi dati si riducano significativamente. 

I risultati di Tesla faranno luce suigli obiettivi di consegna per le vetture in Q1, così come il resto di quest'anno. Sappiamo già che la società mancherà l'obiettivo di consegna delle auto nel primo trimestre.

L'aggiornamento di Q1 di oggi dovrebbe confermare le 63.000 unità consegnate, e 77.100 vetture prodotte durante il periodo. Nonostante il calo delle consegne Tesla ha insistito sul fatto che continuerà a raggiungere l'obiettivo annuale tra 360 e 400 mila auto per il 2019, che rappresenta un significativo miglioramento nel 2018. È ancora molto importante raggiungere questo obiettivo, dato che Tesla dovrebbe consegnare almeno 100k auto ogni trimestre, per i prossimi tre quarti. Questo sarebbe un record, e ben al di sopra del precedente record di oltre 90.000 auto nel quarto trimestre dell'anno scorso. Le aspettative non sono state aiutate dagli interventi continui su Twitter del CEO Elon Musk con le dichiarazioni di come 500.000 auto siano possibili per il 2019. Questa settimana scopriremo come Tesla intende lavorare attraverso il suo backlog di consegna e adempiere al suo obiettivo annuale, che sia di 500.000 di Musk, o la stima più prudente di 400k.

Ci si aspetta che la Bank of Canada mantenga inalterati i tassi di interesse nel meeting di questo pomeriggio, visto che l'economia canadese è rimasta in stallo nella prima parte di quest'anno. La banca centrale ha adottato un tono molto più accomodante nella sua ultima riunione sui tassi . I responsabili delle politiche monetarie canadesi hanno anche rimosso un riferimento secondo cui i tassi potrebbero dover aumentare ulteriormente nel tempo e l'incontro di questo mese dovrebbe rimanere accomodante. Le prospettive di inflazione hanno continuato a non mostrare segni di ripresa, attualmente all'1,5%, mentre la spesa dei consumatori è rimasta in sordina con le vendite al dettaglio in calo per tre mesi consecutivi, anche se a marzo abbiamo assistito a un rimbalzo.


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.