I mercati europei sono partiti positivamente oggi prima dell'annuncio del PIL del secondo trimestre degli Stati Uniti, che è previsto per oggi e si prevede che raggiungerà il livello più alto da anni, sostenuto dagli aumenti delle scorte e dai tagli fiscali di gennaio da parte dell'amministrazione Trump.

Il gruppo BT sta suonando la carica dopo aver riportato i numeri del primo trimestre che sono migliori rispetto alle attese. I ricavi sono stati pari a 572 miliardi di sterline, in calo rispetto ai 5,8 miliardi di sterline del primo trimestre, ma superiori alle aspettative di 5,7 miliardi di sterline, mentre gli utili ante imposte sono saliti a 816 milioni di sterline. Mentre questi numeri rappresentano un miglioramento, e le prospettive dell'azienda sono rimaste invariate, non abbiamo ancora indizi su un piano di successione per l'amministratore delegato in uscita Gavin Patterson.

Le azioni della BP sono scese dopo aver annunciato l'acquisto degli asset shale statunitensi di BHP per 10,5 miliardi di dollari, in attesa dell'aggiornamento della settimana prossima, che si teme potrebbe non essere all'altezza delle aspettative dopo la trimestrale deludente di questa settimana di Royal Dutch Shell. Qualsiasi idea secondo la quale BP stia cercando di ripagare il suo debito di 40 miliardi di dollari sembra essersi affievolita sulla base di questa acquisizione e mentre i prezzi del petrolio rimangono al loro livello, non si può fare a meno di pensare che la gestione della BP sia in ritardo nell'attuazione del piano Questo rimane il tallone d'Achille dell'azienda nel caso di un'altra crisi.

Con le banche del Regno Unito che inizieranno a pubblicare i loro risultati la prossima settimana, la quarta banca spagnola, Banco Sabadell, e la sua controllata britannica TSB hanno avuto un trimestre da dimenticare, e le azioni scivolano a un minimo di un anno dopo aver registrato una perdita di € 138,7 milioni per il trimestre, con gli investitori mi aspettavo un utile di 63 milioni di euro.Non solo ha dovuto far fronte al contesto di tassi di interesse bassi e negativi della Banca Centrale Europea, ma è ancora in fase di scarico di una buona parte del suo portafoglio di prestiti in sofferenza. Solo questo mese la banca ha venduto beni immobiliari per un valore contabile lordo di 12 miliardi di euro, di cui 9 miliardi di dollari sono andati all' hedge fund Cerberus Capital e i restanti 3 miliardi di euro che sono andati a Deutsche Bank e Carval Investors per un importo non divulgabile.

Se la ripresa del mercato immobiliare continuasse, possiamo aspettarci che questa fase di esaurimento dei crediti in sofferenza continui, ma con la ripresa che sembra in stallo, ciò potrebbe rivelarsi difficile, con i prestiti probabilmente limitati dal calo del suo CET ratio. Aggiungete i problemi alla filiale britannica TSB e l'implementazione IT non riuscita perfettamente e i cui effetti sono ancora avvertiti, non sorprende che la banca abbia dovuto accantonare precauzionalmente 203 milioni di € in relazione a perdite per frodi e contestazioni. È probabile che i problemi blocchino il business per un po', dato il danno reputazionale alla banca nel Regno Unito, che probabilmente limiterà la crescita dei clienti per un bel po' di tempo. Un rallentamento del credito non favorirà dati i recenti avvertimenti della Banca d'Inghilterra e l'inasprimento degli standard di credito, insieme a un rallentamento del mercato dei mutui che inibisce la sua capacità di ripristinare la fiducia nel proprio marchio.

Non per nulla è passata alle croncache come "Total Shambles Bank" (banca in totale confusione) e ci vorrà del tempo e degli sforzi per rimuovere questo nomignolo nei prossimi mesi. I numeri Amazon della scorsa notte hanno attenuato il pessimismo dietro le delusioni di Facebook e dei numeri recenti di Netflix. Amazon ha battuto le aspettative di profitti e dovrebbe vedere il calo del 3% di ieri del prezzo delle azioni annullarsi quando il mercato riaprirà più tardi oggi. Sul fronte degli utili le major petrolifere Exxon Mobil e Chevron devono riportare i loro ultimi numeri mentre il dato relativo al Pil americano per il secondo trimestre potrebbe essere un fattore chiave nel valutare il percorso per i prossimi aumenti nei tassi di interesse statunitensi, con il rendimento del Treasury a 10 anni verso il livello del 3% che finora si è dimostrato un duro da rompere con continuità.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 27/07/2018

-----------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.