• Ftse Mib sui massimi dal 2010 dopo aver rotto la resistenza in area 24000 punti;
  • Continuano gli acquisti su Telecom Italia, dopo l’esito della votazione in assemblea di venerdì che ha sancito la vittoria del fondo Elliott, che ha ribaltato gli equilibri ai danni di Vivendi;
  • Buona anche l’intonazione di Generali, dopo la pubblicazione della trimestrale di settimana scorsa, il mercato sembra confermare la fiducia al piano del Ceo Philippe Donnet presentato lo scorso mese;
  • Continua ad accelerare Ferrari dopo i risultati pubblicati giovedì scorso, in linea con le aspettative degli analisti;
  • Per Mediaset ennesimo attacco all resistenza in area 3.35 €, da vedere quali saranno le conseguenze sul titolo dopo che Vivendi è finito in minoranza nel cda di Telecom;

Telecom Italia

  • Elliott è riuscito a prendere la maggioranza del consiglio di amministrazione, anche grazie al supporto di Cassa Depositi e presiti;
  • Oggi ci sarà la nomina del nuovo presidente (Fulvio Conti) e la conferma del CEO Amos Genish e nelle prossime settimane sarà anche più chiaro il piano di Elliott in merito alla separazione della rete, sarà poi da sciogliere anche il nodo relativo alla golden power;
  • Secondo Repubblica Elliott è comunque pronto a vendere il suo pacchetto azionario non appena il titolo toccherà quota 1 €;
  • Dal punto di vista tecnico il titolo è ben intonato, con la media mobile a 50 periodi che ha superato la media a 200 periodi, mentre quella a 100 periodi è in prossimitò dell’incrocio con quella a 200;
  • Il primo livello di resistenza è in alrea 0.8750, al cui superamento il primo target è in area 0.9072.

Generali

 

  • Generali nel primo trimestre ha battuto le attese degli analisti, con un utile netto in crescita dell’8.6% a 581 milioni di € e un ROE operativo del 13.2%;
  • In questo momento il titolo ha trovato una resistenza in area 17 €, dove ha disegnato un doppio massimo;
  • Il Macd mostra una leggera divergenza ribassista ed evidenzia un incrocio ribassista;
  • Per eventuali ripartenze è da monitorare la trendline rialzista in arancione, oltre all’area di 16.25 – 16.30 €, che in precedenza ha agito come resistenza.

Ferrari

  • Esplosione rialzista di Ferrari dopo la pubblicazione dei dati preliminari del primo trimestre, con il titolo che sta aggiornando anche questa mattina i massimi assoluti;
  • L’utile netto si è attestato a 149 milioni di € (+19.4% rispetto all’anno scorso), mentre i ricavi sono aumentati dell’1,3% a 831 milioni di € (+6.3% a cambi costanti)
  • Per il 2018 i ricavi dovrebbero toccare i 3.4 miliardi di € con 9 mila vetture consegnate;
  • Decisiva è stata la rottura di area 105 €, che ha poi generato l’esplosione rialzista, che potrebbe avere come target l’estensione di fibonacci in area 118 €;
  • Il Macd (9-25-6) non fa altro che mostrare la forzxa dell’impulso rialzista.

Mediaset

  • Mediaset torna nel mirino degli operatori, dopo la sconfitta di Vivendi nel braccio di ferro con Elliott per il controllo del cda di Telecom;
  • La società di Bollorè potrebbe ora tornare sui suoi passi e riaprire la partita per Mediase.
  • Il titolo continua ad avere difficoltà a superare la resistenza in area 3,38 €
  • Il Macd (9 – 25 – 6) è molto appiatito da alcue settimane, mentre le medie mobile a 50-100-200 periodi sono tra loro allineate, a dimostrazione della difficoltà che il prezzo ha a varcare questa soglia.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation Performance nette al 07/05/2018

---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.