• La stagione delle trimestrali questa settimana entra nel vivo, dopo le trimestrali di JPMorgan Chase, Wells Fargo e Citigroup;
  • Tra oggi e domani avremo tra le altre le trimestrali di Bank of America, BlackRock, Netflix e Goldman Sachs;
  • Per Bank of America sono attesi dati particolarmente positivi grazie all’andamento dei tassi, i ricavi da trading e anche dall’incremento delle masse gestite;
  • Blackrock dovrebbe invece beneficiare positivamente dai flussi di investimento verso gli ETF, mentre gli utili potrebbero risentire negativamente dall’andamento dei tassi di cambio;
  • I risultati di Netflix sono attesi per oggi e ci si attende una forte crescita degli utenti, soprattutto quelli internazionali;
  • Infine domani vedremo quanto la diminuzione della volatilità sul mercato nel secondo trimestre abbia impattato sui risultati di Goldman Sachs, che nel primo trimestre ha goduto di una crescita a 2 cifre.

Bank of America

  • Per Bank of America sono attesi utili per azione a 0.61$, con una crescita che su base annua dovrebbe attestarsi al 32.6%,
  • I ricavi dovrebbero invece essere in leggero calo a causa della ridotta volatilità sui mercati finanziari nel secondo trimestre del 2018;
  • Dal punto di vista tecnico abbiamo assistito ad una correzione dai massimi di marzo, che ha postato il titolo a testare il 50% di Fibonacci;
  • Potrebbe rivelarsi molto importante il test della trendline ribassista partita dal massimo di marzo.

BlackRock

  • Per BlackRock è atteso un utile per azione di 6.61 dollari, in decisa crescita rispetto ai 5.24 $ dello scorso anno;
  • I ricavi dovrebbero invece attestarsi a 3.6 miliardi di dollari, con una crescita del 21% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno
  • Dal punto di vista tecnico si evidenzia un trend ribassista a partire dall’inizio anno, dopo una forte corsa nell’anno precedente, ben delineato dalla trendline ribassista;
  • Il MACD (12 – 26- 9) sta evidenziando un incrocio rialzista, a seguito del rimbalzo di fine maggio.

Netflix

  • Per Netflix sono previsti 6.2 milioni di nuovi utenti, di cui 5 milioni dovrebbero essere utenti internazionali, con una crescita complessiva del 19% su base annua;
  • Gli utili per azione secondo le previsioni degli analisti dovrebbero attestarsi a 0.8 dollari per azione, con ricavi di 3.94 miliardi di dollari;
  • Dal punto di vista tecnico in questo momento sembra stia disegnando una figura di inversione, con un doppio massimo in area 420 $ e il MACD (12-26-9) che sembra delineare una divergenza ribassista;
  • Da monitorare con attenzione la trendline rialzista e l’area di 367 $ che corrisponde al 23.6 di Fibonacci.

Goldman Sachs

  • Il titolo è in discesa da marzo, dopo aver toccato un massimo a quota 275 $;
  • Questa settimana dovrebbe essere ufficializzato l’avvicendamento tra Lloyd Blankfein e David M. Solomon, attuale presidente della banca, a ruolo di CEO;
  • Per domani sono previsti utili per azione di 4.67 $, in crescita rispetto ai 3.95 $ dello scorso anno e ricavi per 8.74 milioni di dollari;
  • Dal punto di vista tecnico è evidente la ripida correzione dai massimi di marzo, che ha portato il titolo a testare il 38.2 di Fibonacci.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 16/07/2018

--------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.