• Indice italiano ancora sotto forte pressione nella scorsa settimana, anche se in fase di apertura questa mattina ha rimbalzato dopo le recenti dichiarazioni del ministro Tria,
  • Tenaris ha trovato supporto su una trendline partita a fine gennaio, anche se è ancora difficile capire quali potranno essere le conseguenze dell’introduzione di dazi sull’acciaio da parte dell’amministrazione Trump,
  • Continua la discesa di Telecom Italia, dopo il cambio nel consiglio di amministrazione e il via libera dell’Agcom al piano per lo scorporo della rete in una newco controllata da Telecom,
  • Mediaset sta testando dei supporti importanti, anche se al momento non arrivano segnali decisi di una possibile inversione del trend in atto,
  • Intesa San Paolo, pur essendo tra le banche più solide, non è rimasta immune dall’ondata di vendite che ha colpito Piazza Affari e si trova vicino ad un livello tecnico importante.

Tenaris

  • Il titolo nella scorsa settimana ha colto un rimbalzo in corrispondenza della trendline partita a gennaio e già testata con successo a marzo,
  • Ancora incerti e non quantificabili gli effetti dei dazi sull’acciaio imposti dall’amministrazione Trump nei confronti dei produttori europei,
  • Gli analisti di Fidentiis hanno evidenziato come l’impatto potrebbe essere addirittura positivo, dato che circa il 27% della capacità produttiva della compagnia è collocata negli USA,
  • Per il momento il MACD (9-25-7) non sembra dare ancora conferma dell’avvenuta inversione di tendenza, mentre il prezzo si avvicina alla resistenza corrispondente ad un ritracciamento di Fibonacci.

Telecom

  • Pesante la correzione subita da Telecom Italia, che dai massimi di aprile ha perso quasi il 25% del suo valore, riportandosi sotto la soglia di 0.7 €;
  • In questo momento il titolo si trova in prossimità di un livello di supporto posto a 0.6730 € e nel caso in cui fosse violato entrerebbero in gioco i livelli di 0.6519 (minimo del 6 febbraio) e di 0.6272 (minimo di maggio 2016)
  • Intanto l’ad Amos Genish ha incassato il via libera da parte dell’Agcom per lo scorporo della rete fissa che sarà conferita a gennaio a NetCo, anche se lo stesso Genish si è detto preoccupato per l’andamento dei costi di accesso all’ingrosso, che potrebbere mettere in dubbio la sostenibilità dell’operazione stessa.
  • In questo momento il MACD (9 – 25 – 7) si sta avvicinando timidamente ad un incrocio.

Mediaset

  • Il quadro tecnico di Mediaset è molto simile a quello evidenziato per Telecom, con una perdita dai massimi di maggio del 18%.
  • Anche in questo caso il titolo è in prossimità del supporto posto in area 2.79 €, supporto testato 2 volte a settembre e ottobre e che rappresenta il margine inferiore di un gap aperto nel dicembre del 2016,
  • Questa mattina in scia al tentativo di rimbalzo del FtseMib anche il titolo sembra tentare una reazione
  • Anche in questo caso il Macd è prossimo ad un incrocio rialzista, anche se il segnale non sembra essere particolarmente convincente.

Intesa Sanpaolo

  • Grazie alla diminuzione dello spread in apertura di seduta, il titolo di Intesa Sanpaolo ha colto un importante rimbalzo,
  • Nonostante la solidità di Intesa Sanpaolo, il prezzo è in forte calo rispetto ai massimi di maggio,
  • In caso di rimbalzo il primo tarfet potrebbe essere rappresentato dall’area di 2.85 €, che rappresenta il bordo inferiore del gap aperto a metà maggio,
  • Ance in questo caso il MACD mostra un timido tentativo di incrocio rialzista.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 11/06/2018

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.