• Pertenza in territorio negativo per l’indice italiano, a causa delle tensioni politiche in Germania che sarebbeo culminate con le dimissioni di Horst Seehofer,  ministro degli Interni e leader della CSU principale alleato della CDU di Angela Merkel. Il condizionale al momento è ancora d’obbligo dal momento che non sono ancora state confermate ufficialmente;
  • Oggì partirà l’aumento di capitale di Prysmian, che ha la finalità di portare all’acquisto di General Cable, mentre è stata annunciata un’Opa su Recordati da parte del fondo di private equity Cvc a forte sconto;
  • Mediaset venerdì ha chiuso al di sotto dell’importante supporto in area 2.79 €, la cui rottura apre la strada ad ulteriori ribassi;
  • Male anche il settore automotive, zavorrato dai piani di nuovi dazi che potrebbero essere imposti dall’amministrazione Trump sull’import di auto europee. In discesa anche i titoli legati alla galassia Fca, con la sola eccezione di Ferrari;
  • Apertura negativa anche per Tenaris, zavorrata in apertura dalla discesa del petrolio che è stato oggetto di prese di profitto dopo i forti rialzi delle scorse settimane;
  • Negativa anche Intesa SanPaolo, che ha aperto sotto i 2.5 €, anche se per il momento tiene il supporto in area 2.39-2.40.

Mediaset

  • Rottura significativa del livello di 2.79 €, che rappresentava il margine inferiore del gap up che era stato aperto a fine 2016;
  • Il MACD (9-25-7) evidenzia un nuovo incrocio ribassista, mentre le medie mobili a 50, 100 e 200 sono finalmente disposte al ribasso;
  • Il prossimo supporto chiave entra in gioco in area 2.25 €, corrispondente ai minimi del 2016.

FCA

  • FCA sotto pressione come tutto il settore automotive a causa delle incertezze legate alla possibilità che l’amministrazione Trump introduca dei dazi del 25% sull’importazione di auto europee. La scorsa settimana  è stato annunciato che lo studio di impatto sul possibile impatto dei dazi è stato completato e una decisione è ormai prossima;
  • Dopo la rottura della trendline rialzista di due settimane il primo livello di supporto chiave è rappresentato dall’area di gap tra 15.50 e 15.80 €;
  • Il prezzo è sceso anche sotto la media mobile giornaliera a 200 periodi, mentre il successivo livello chiave è posizionato 14.32 €.

Tenaris

  • Tenaris questa mattina ha aperto al di sotto della trendline rialzista che è partita all’inizio di febbraio;
  • I primi livelli di supporto chiave sono posizionati rispettivamente in area 15.10 € e 14.87 €, corrispondente al 38.20 di Fibonacci;
  • Il Macd (9-25-6) evidenzia ancora un incrocio rialzista, mentre anche la media mobile a 100 periodi potrebbe rappresentare un livello di supporto chiave.

Intesa SanPaolo

  • Anche il settore bancario ha avuto un’apertura poco brillante, spinto al ribasso dalle incertezze politiche
  • Intesa SanPaolo ha aperto con un gap down, anche se per il momento sembra tenere il supporto di breve termine a 2.39 €;
  • Il MACD (9-25-7)  sta girando in negativo, mentre la media mobile a 50 periodi sta per incrociare al ribasso la media mobile a 100.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 02/07/2018

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">cfds">cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance