La tiepida IPO di Lyft che ha visto le azioni scendere al di sotto del loro prezzo di collocamento non sembra aver scoraggiato Uber dal portare avanti i propri piani, dato che la compagnia ha annunciato la quotazione per il 10 maggio.

Se gli investitori hanno avanzato dubbi sulla valutazione di Lyft oltre i $ 20 miliardi, quella di Uber (quattro volte superiore) è ugualmente ottimistica, arrivando tra $ 80 e $ 90 miliardi. Uber sta cercando di raccogliere $ 9bn ad un prezzo compreso tra i $ 44 e i $ 50 per azione, per un totale di 180 milioni di azioni. I dati sono al di sotto delle stime iniziali che valutavano $ 100 miliardi la società

Da parte sua Uber è sostenuta da alcuni nomi rilevani, con PayPal che ha messo sul piatto $ 500 milioni, al prezzo IPO di $ 84 per azione sotto forma di collocamento privato, mentre nell'agosto dello scorso anno Toyota ha investito $ 500 milioni in Uber, una somma che ha portato la valutazione dell'azienda a circa $ 72 miliardi. Altre parti interessate includono Softbank, che detiene una quota del 16,3%, mentre Alphabet, proprietario di Google, possiede poco più del 5% del business come parte del suo programma "altre scommesse".

Il Fondo di investimento pubblico dell'Arabia Saudita ha investito $ 3,5 miliardi in Uber nel lontano giugno 2016, una notizia che si è rivelata piuttosto imbarazzante quando è stata resa pubblica alla fine dell'anno scorso, sulla scia del terribile omicidio del giornalista Jamal Khashoggi. Questa partecipazione ha portato la valutazione di Uber intorno al valore di $ 60 Miliardi al momento, con il fondo che ha anche un seggio nel board.

In sintesi, l'azienda non ha carenza di sostenitori, ma la valutazione attuale sembra essere troppo elevata.

La società ha avuto una battuta d'arresto dai regolatori di alcuni Paesi. Questo significa che i rischi sono piuttosto alti e che Uber potrebbe trovarsi escluso da alcuni mercati, o dover pagare costi aggiuntivi per conformarsi agli standard normativi in ​​diverse giurisdizioni. La direzione ha già dovuto fronteggiare il pagamento di varie multe in alcuni mercati, come la California e i Paesi Bassi, dove ha dovuto sborsare 2,3 milioni di euro.

Il business ha continuato a crescere con 91 milioni di utenti e una portata globale significativa, ma ha comunque prodotto una perdita operativa di 3 miliardi di dollari, nonostante abbia generato entrate per 9,2 miliardi di dollari dalla sua attività di taxi.

Ora diventa cruciale la capacità dell'azienda di diversificare in altre aree, con Uber Eats che mostra un buon potenziale di crescita. D'altra parte il mercato delle applicazioni legate alla mobilità e al trasporto sta diventando incredibilmente affollato e competitivo. I ricavi del suo business alimentare sono saliti a $ 1,5 miliardi lo scorso anno, con un aumento del 149%.

Mentre i dirigenti sono desiderosi di esaltare le virtù del potenziale di crescita del business, è difficile non sfuggire al fatto che la società spende denaro più velocemente di quanto non stia facendo crescere la propria attività. L'anno scorso la società ha registrato una perdita di $ 3 miliardi, in un contesto di ricavi di circa $ 2 miliardi l'anno.