UK Parliament

Europa

I mercati azionari sono in gran parte in rialzo questo pomeriggio, dopo che i parlamentari britannici hanno chiarito ieri che non sono favorevoli a una Brexit senza accordo. I trader comprendono ciò che i politici non vogliono, ma non sono ancora chiari su ciò che vogliono. Westminster rimarrà al centro dell'attenzione oggi in quanto i parlamentari voteranno sull'opportunità o meno di estendere l'articolo 50.

Le azioni di Cineworld sono in rialzo dopo che la società ha confermato che l'utile prima delle imposte per l'intero anno è salito del 125% e le entrate sono salite del 259%. La società ha affermato che l'integrazione di Regal sta andando bene e che i benefici dell'operazione di acquisizione saranno migliori del previsto. Il dividendo finale è stato aumentato del 17,6%. Il titolo ha aperto con un gap rialzista e ha raggiunto il livello più alto da ottobre e se il trend rialzista continuasse potrebbe raggiungere l'area di 320 pence.

Il difficile piano di turnaround di Capita sta dando i suoi frutti dal momento che il gruppo ha registrato un utile ante imposte di 273 milioni di sterline, rispetto a una perdita di 513 milioni di sterline l'anno scorso. Sono stati effettuati risparmi di 70 milioni di sterline e quest'anno si prevede di risparmiare 175 milioni di sterline. L'azienda ha annunciato di aver "gettato le basi" e offre un'immagine positiva di sè, ma la strada verso il pieno recupero potrebbe essere lunga. Il titolo ha ampiamente spinto verso l'alto da novembre e se la tendenza al rialzo dovesse continuare, potrebbe raggiungere l'area di 134 pence.

DFS ha avuto una solida prima metà di anno, ma ci sono stati alcuni segnali di debolezza nella seconda metà. La società di mobili ha registrato un aumento del 29,1% dei ricavi a sei mesi e l'EBITDA pro-forma è aumentato del 23,8%. Il secondo semestre è iniziato con una nota più debole mentre la raccolta di ordini è scivolata e la società ha accusato il debole sentiment dei consumatori a causa dell'incertezza che circonda la Brexit.

Stati Uniti

Gli indici principali in leggero ribasso oggi dato che i trader hanno deciso di predere profitto sui guadagni realizzati negli ultimi giorni. È stato riferito che l'incontro del presidente Trump con il premier cinese Xi sarà rimandato fino almeno ad aprile. Si ritiene che i colloqui stiano andando bene, ma non vi è alcuna garanzia che si finisca con un accordo.

Boeing rimane al centro dell'attenzione dopo che il presidente Trump ha ordinato la messa a terra dei 737 Max ieri. L'annuncio è arrivato ieri sera, mandando inizialmente il titolo in rosso, ma poi è riuscito a chiudere in territorio positivo. Alcuni investitori temono che le compagnie aeree possano iniziare a cancellare gli ordini per quel particolare modello.

Le azioni di General Electric sono in rialzo anche se la società ha abbassato la sua guidance per l'intero anno. La società ha detto che ora si aspetta un utile per azione corretto per il 2019 tra 50 e 60 centesimi, mentre gli analisti azionari prevedevano 70 centesimi.

Le azioni di Dollar General hanno subito un forte calo dopo che la società ha emesso una previsione che ha deluse le aspettative degli analisti. L'azienda si aspetta un EPS per l'intero anno tra 6,30 e 6,50 dollari, mentre la stima di consenso era per 6,65 dollari. Le vendite a parità di negozio del quarto trimestre sono aumentate del 4%, superando comodamente la previsione del 2,6%. La mossa di oggi deve essere presa nel contesto, considerando che il titolo ha toccato un massimo da record ieri, quindi il sentiment generale è ancora rialzista. Le vendite di nuove abitazioni negli Stati Uniti sono calate del 6,9% a gennaio, e questa è l'ultimo dato deludente per il settore abitativo.

Forex

Il recupero del dollaro dopo quattro giorni consecutivi di perdite ha danneggiato la sterlina e l'euro.

EUR/USD è in rosso in scia alla forza del dollaro. Per Germania e la Francia abbiamo avuto stamane aggiornamenti sull'inflazione rispettabili, ma non è stata sufficiente a sostenere l'euro. L'inflazione in Germania si è mantenuta stabile all'1,7% e l'indice dei prezzi al consumo francese è salito dell'1,6%.

La coppia GBP/USD è in rosso mentre i trader incassano i loro profitti dal rally di ieri. Gli operatori ora guardano al voto di oggi, in base al quale i parlamentari voteranno se estendere o meno l'articolo 50. Dato che ieri la sterlina ha spinto al rialzo dopo che i parlamentari hanno votato per escludere l'ipotesi di una no-deal Brexit, alcuni trader potrebbero potrebbero aver già messo in conto la salita.

Materie Prime

L'oro è in rosso dato la forza del dollaro USA ha finto per pesare sul mercato dei metalli in generale. L'oro è riuscito a spingersi quando il biglietto verde è stato più debole durante la settimana e ora i rialzi precedenti sono stati cancellati. Se il metallo può mantenersi oltre la regione di 1,276 dollari, il trend rialzista più generale potrebbe continuare.

Il WTI e il Brent hanno raggiunto i massimi di quattro mesi oggi poiché persistono preoccupazioni sull'offerta. L'OPEC ha affermato che alcuni importanti produttori di petrolio come la Russia hanno diminuito l'offerta. Le turbolenze politiche e finanziarie in Venezuela hanno colpito la produzione del paese.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 14/03/2019

--------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.