Le borse europee salgono in scia alle trattative tra Usa e Cina per evitare un'escalation di misure commerciali a seguito degli annunciati dazi da parte di Washington su una varietà di prodotti cinesi. Secondo una fonte, per rinunciare ai dazi, i vertici dell'amministrazione Trump hanno chiesto a Pechino di ridurre le tariffe sulle importazioni di auto, consentire il controllo straniero di società del settore finanziario e acquistare più semiconduttori americani. Il cambio dollaro/yen scambia a 105,624 da 105,40 dell'ultima chiusura, rimbalzando dal minimo da 16 mesi toccato ieri a 104,56. Resta, invece, ben intonata la valuta unica in scia alle dichiarazioni di ieri di Weidmann, secondo cui l'ipotesi di un rialzo dei tassi da parte della Bce verso metà 2019 non è del tutto irrealistica. L'euro/dollaro tratta a 1,2464 da 1,2442 dell'ultima chiusura, riavvicinandosi al picco di 1,2462 di ieri, massimo da metà febbraio. L'euro ha perso terreno durate la seduta asiatica dopo aver toccato i massimi da cinque settimane contro il dollaro ieri. Mentre i prezzi del greggio sono sostenuti dai timori che le tensioni in Medio Oriente, tra cui domina il rischio che gli Usa introducano nuove sanzioni sull'Iran, possano creare problemi all'offerta. Un sostegno ai prezzi giunge inoltre dalla speranza che la trattative in corso tra Usa e Cina evitino una guerra commerciale tra le due principali economie mondiali. Al momento il Brent scambia a 69,74 dollari il barile (+0,17%) e il Wti a 65 69 dollari (+0,21%). 

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 27/03/2018

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.