Dopo il lungo weekend festivo (ieri è rimasta chiusa per festività), la Borsa di Tokyo ha archiviato la seduta di oggi con segno meno. L'indice Nikkei ha lasciato sul parterre lo 0,79% a 19.301,44 punti e il Topix è scivolato dello 0,71% a 1.542,31 punti. A pesare sugli scambi, e in particolar modo sui titoli legati all'export, il rafforzamento dello yen nei confronti del dollaro in vista della tanto attesa conferenza stampa del presidente americano Donal Trump, in agenda domani. In Cina sul fronte macro l'inflazione è cresciuta del 2,1% a livello annuale a dicembre, in linea alle attese e in rallentamento rispetto al +2,3% a/a di novembre. I prezzi di produzione sono invece saliti del 5,5% rispetto al +3,3% del mese precedente. Per quanto riguarda gli Usa, il presidente della Federal Reserve di Atlanta, Dennis Lockhart, ha dichiarato che un rialzo dei tassi a ritmo lento e costante rappresenterebbe il percorso migliore da seguire per un'economia che ha in gran parte recuperato dopo la crisi finanziaria. La giapponese Toyota annuncia che investirà 10 miliardi di dollari negli Stati Uniti nei prossimi 5 anni. Lo ha annunciato la casa automobilistica al Salone dell'Auto di Detroit. Intanto l’euro si è portato a 1,0607 (+0,32%) contro il biglietto verde, lo yen è salito dello 0,37% a 115,62 e la sterlina si è indebolita ancora a 1,2150 (-0,11%) nel mezzo della discussione sulla Brexit. La valuta inglese ha toccato i minimi dal 28 ottobre scorso, scrive oggi l’agenzia americana Bloomberg, dopo che lo scorso weekend il premier Theresa May ha specificato che sulla Brexit la questione è come gestire le corrette relazioni con l’Ue, non il fatto di restare nell’Unione. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.