Considerando i dati generali  sul commercio al dettaglio nel Regno Unito, ci verrà perdonato il fatto di aver pensato che il cielo potesse crollare in tutto il settore.

Sicuramente il settore sta affrontando le proprie sfide dato che le difficoltà di Debenhams e i recenti fallimenti di LK Bennett e Patisserie Valerie hanno dominato i titoli nelle ultime settimane, mentre i grandi supermercati stanno affrontando sfide dai nuovi arrivati  Aldi e Lidl.

A dimostrazione di quanto siano difficile le vendita al dettaglio di prodotti alimentari, Sainsbury ha perso la seconda  posizione come supermercato del Regno Unito, con Asda che l'ha superata a testimonianza che i recenti colloqui per realizzare una fusione potrebbero aver distratto un po' troppo il management.

Questo ambiente competitivo rende i risultati di questa mattina di Tesco ancora più impressionanti in quanto il CEO Dave Lewis ha annunciato un altro passo avanti nel piano di turnaround della catena numero uno del Regno Unito nel settore alimentare con un aumento del 28,8% degli utili a 1,67 miliardi di sterline e un aumento del 11% dei ricavi a 63,9 miliardi di sterline. In quasi tutte le metriche, Tesco è stata in grado di superare le aspettative, con un aumento delle vendite, dei ricavi e dei profitti, sebbene la performance delle vendite nei mercati dell'Europa centrale e dell'Asia sia stata deludente. La continua integrazione di Booker Group ha anche arricchito il mix in termini di vendite, ma sta ancora agendo come un freno per i margini

Poco più di un anno fa Dunelm Groupaveva messo in guardia gli investitori sui profitti e sui  margini inferiori mentre si sforzava di integrare Worldstores.co.uk e Kiddicare.com nel proprio modello di business. Era anche in procinto di intraprendere un piano di turnaround e ha chiesto tempo per realizzare una svolta definitiva su questi marchi che stavano sottoperformando. Il quadro generale è stato confermato all'inizio di quest'anno quando il management ha riferito che le entrate del gruppo sono aumentate del 2% nel periodo di dicembre. La rinnovata attenzione al marchio principale sembra aver dati benefici nei negozi sia in termini di fatturato che di utili. Ciò si è riflesso in un terzo trimestre decente per il rivenditore di articoli per la casa e si è tradotto in un aumento dei ricavi del 12,5% con i ricavi on-line che hanno rappresentato un fattore importante nella sovraperformance, con un aumento del 32,1% sul trimestre e un 34,4 % aumento dall'inizio dell'anno finanziario. Anche i margini hanno superato le aspettative, salendo di 90 punti base rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, mentre il debito netto è stato ridotto da 123,8 milioni di sterline nel 2018 a 48,3 milioni di sterline, con il management che prevede profitti per l'intero anno leggermente superiori alle previsioni di consenso, rafforzate da un vivace mercato domestico.

Un altro rivenditore che ha avuto la sua parte di difficoltà negli ultimi 12 mesi è stato ASOS, con il prezzo delle sue azioni in forte calo dall'inizio del 2018, in particolare a dicembre dopo che l'azienda ha tagliato l'obiettivo di crescita delle vendite dell'intero anno dal 20- 25% al 15% in scia ai forti sconti che stanno gravando sui margini, che sono stati dimezzati dal 4% al 2%. I dati intermedi di questa mattina per i sei mesi fino alla fine di febbraio sono stati leggermente migliori di quanto previsto alla fine dello scorso anno, con un fatturato totale in aumento del 14%, ma ciò nonostante sono indicativi di un settore estremamente competitivo. I profitti prima delle tasse sono diminuiti drasticamente da 29,9 milioni di pound  nello stesso periodo di un anno fa a 4 milioni ora, tuttavia la società sta anche investendo pesantemente nel suo business in UE e USA, il che significa che la società è passata da una posizione di finanziaria netta ad un debito di 37,9 milioni di sterline. Si prevede che questa spesa si ridurrà nel tempo poiché gli hub di distribuzione della società a Berlino e ad Atlanta diventano più efficienti in termini di personale e automazione. La società ha mantenuto invariati i livelli di guidance per l'intero anno della crescita annuale delle vendite del 15%.

È stata anche una buona giornata per Ted Baker, che ha avuto a sua volta dei problemi negli ultimi mesi, con l'annuncio di questa mattina di una joint venture con Shanghai LongShang Trading Company, che dovrebbe migliorare il posizionamento del marchio Ted Baker nella Cina continentale, a Hong Kong e Macao, aprendo franchising al dettaglio e con una presenza online su quello che probabilmente sarà uno dei suoi più grandi mercati per gli anni a venire. I dirigenti hanno detto che si aspettano che la joint venture aumenti marginalmente i profitti per l'intero anno in corso, supponendo che sia approvata dalle autorità di regolamentazione cinesi. Il costo totale per Ted Baker dovrebbe essere intorno ai 6,5 milioni di pound, ma sarebbe un piccolo cambiamento rispetto al numero di potenziali nuovi clienti nel mercato cinese.

In conclusione, mentre è sicuro assumere che il settore delle vendite al dettaglio nel Regno Unito presenta delle importanti sfide, ma nonostante Brexit, c'è spazio per l'ottimismo quando si vedono le performance da parte delle società di cui sopra. A volte Brexit è una comoda scusa per i retailer di ignorare le scarse prestazioni o la mancanza di una chiara direzione in termini di mix di prodotti e la capacità di adattarsi a un ambiente di vendita in continua evoluzione. Una forte presenza on-line, prodotti di qualità e prezzi competitivi, oltre alla capacità di adattarsi alle mutevoli condizioni di vendita, ha visto le società di cui sopra guardare oltre la volatilità dei prezzi delle azioni a breve termine e pubblicare dati che si spera siano sostenibili a lungo termine e quindi contribuire a guidare ulteriori rialzi nel prezzo delle azioni.

Fonte : CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 10/04/2019

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.