Nessuna sorpresa da parte della Reserve Bank of Australia (Rba) che ha confermato la sua politica monetaria, lasciando i tassi di interesse fermi all'1,5%, come da attese. L'ultimo ritocco, al ribasso, era arrivato ad agosto, quando la Rba aveva tagliato il costo del denaro dello 0,25 per cento portandolo ai nuovi minimi storici. La bilancia commerciale ha evidenziato a febbraio un surplus di 3,57 miliardi di dollari australiani, in deciso rialzo rispetto ai 1,50 miliardi di gennaio (dato rivisto dal precedente 1,30 miliardi). Gli analisti non si aspettavano un balzo così vigoroso ma un surplus di 1,90 miliardi di dollari australiani. Il Governatore della Banca del Giappone, Haruhiko Kuroda, ha dichiarato che è ancora prematuro discutere dell'uscita dell'Istituto dal programma di QE. Il banchiere ha puntualizzato che non è ancora sul tavolo una riduzione dell'allentamento, compresi gli acquisti di Etf, che sono necessari per raggiungere l'obiettivo di inflazione della Banca nipponica al 2%. Lo yen, si è rafforzato contro il biglietto verde, ma anche contro l'euro, a causa dell'attacco terroristico a San Pietroburgo e ai dati di ieri sulla produzione manifatturiera Usa, che si sono rivelate deboli, e alle preoccupazioni degli investitori per gli eventi della settimana. Infatti, il presidente americano Donald Trump incontrerà in questi giorni quello cinese, Xi Jinping --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.