Si riunisce oggi la Fed e i mercati hanno manifestato un nulla di fatto ieri in attesa delle determinazioni che offrira’ Bernanke domani a chiusura dei lavori. Sara’ difficile che possano essere presi provvedimenti importanti dopo che c’ e’ stato la paralisi per 16 giorni delle attivita’ di governo che hanno provocato, a quanto si dice, un buco di 24 miliardi nei bilanci Usa. Per cui non dovremmo attenderci provvedimenti inerenti alla riduzione delle immissioni di liquidita’ attraverso l’acquisto di obbligazioni per un valore di 85 miliardi al mese. Tutto sembra sia rimandato al prossimo anno quando dovrebbero migliorare indici nevralgici come quello afferente la disoccupazione. Ieri il dollaro a seguito del dato sulla produzione industriale americana in crescita dello 0,6 % si e’ rafforzato, dando luogo quindi a un ritracciamento del cross Euro/Dollaro che ha toccato 1,3775 dai massimi di venerdi’. Il trend permane positivo e il superamento di 1,3830 pu; favorire l’ascesa verso 1,40. Al ribasso bisogna perforare i massimi precedenti attestati a 1,3710 per puntare a 1,3650 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.