L’uragano Harvey continua a distruggere tutto ciò che incontra e le continue alluvioni provocate dalla tempesta tropicale hanno reso necessaria la chiusura di un quinto delle raffinerie di petrolio situate nel territorio degli Stati Uniti. L’effetto immediato è stato il forte calo della domanda che sta mettendo sotto pressione le quotazioni del petrolio, mentre i timori crescenti sulla scarsità dell’offerta di carburante hanno fatto salire i prezzi della benzina. Interessante notare che con le quotazioni attorno a $46 a New York e a 51 circa a Londra, lo spread tra WTI e Brent viaggia al massimo in due anni, a $5 al barile.

L’effetto ribassista sul petrolio si spiega con il fatto che un numero minore di raffinerie tende ad allungare il processo di raffinazione, causando un’accumulazione delle scorte.Al momento i danni sono già notevoli: si pensa a una perdita di 52 miliardi, con la concreta possibilità di vedere un balzo dei costi tra $60 e $80 miliardi. ll presidente Donald Trump ha dichiarato lo stato di emergenza nello stato della Louisiana, lanciando l’assistenza federale e definendo Harvey “un disastro di dimensioni epiche”.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 30/08/2017

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

<i>Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.</i>

 

[[bold]][[link| | < Torna al blog | http://www.cmcmarkets.it/blog/posts | no ]][[end-bold]]