Sono usciti i numeri relativi all’indice Pmi manifatturiero dei più importanti Paesi Europei: bene l’Italia con il PMI di maggio che si è attestato a 49,7 punti rispetto al valore di 49,1 di aprile (attesa 48,5 punti). In linea con le attese la Francia che ha registrato un 50,6 e la Germania che ha segnato un 44,3 ma che rappresenta una delle letture più basse dal 2012

Si contrae l’economia manifatturiera dell’eurozona: l’indice Pmi manifatturiero si è attestato a 47,7 punti, in linea con la lettura flash ma in calo rispetto ai 47,9 punti di aprile.

 

In Asia quinto mese di espansione per il Pmi manifatturiero australiano che si è attestato a 52,7 punti. Fase di contrazione per il Giappone che ha visto il Pmi a 49,8 punti, in calo rispetto ai precedenti 50,2. Cina rispetta le attese con il Pmi a 50,2, stesso numero di aprile.