Questa settimana occhi puntati sul dato preliminare relativo all'inflazione nell'Eurozona per il mese di marzo, che verra' pubblicato domani. Secondo diversi analisti, il dato potrebbe rivelare se le pressioni deflazionistiche siano in aumento: ci vorra' del tempo prima che il pacchetto di accomodamento della Bce produca i suoi frutti. Non sono buone neanche le notizie provenienti dagli Stati Uniti, dove la spesa delle famiglie e' salita lievemente nei primi due mesi del 2016. I consumatori hanno infatti incrementato i propri risparmi, indicando un andamento fiacco dell'economia Usa a inizio anno. Inoltre, l'inflazione e' rimasta sotto il target della Fed per il quarantaseiesimo mese consecutivo. A febbraio le spese dei consumatori sono aumentate in misura modesta, salendo dello 0,1% (dato destagionalizzato) per il terzo mese consecutivo. Lo scorso mese il tasso di risparmio personale ha raggiunto il 5,4%, sui massimi dalla fine del 2012.


CMC Markets è un fornitore di servizi di sola esecuzione. Queste informazioni (che contengano o meno opinioni) hanno solo scopo informativo e non tengono conto delle circostanze o degli obiettivi personali dell'utente. Nessuna delle informazioni contenute in questo documento è (o dovrebbe essere considerata) una consulenza finanziaria, di investimento o di altro tipo su cui si può fare affidamento. Nulla nei documenti costituisce una raccomandazione da parte di CMC Markets o dell'autore secondo cui un particolare investimento, titolo, transazione o strategia d'investimento sia adatto a una particolare persona. I materiali non sono stati preparati in conformità con i requisiti di legge volti a promuovere l'indipendenza della ricerca di mercato degli investimenti. Sebbene non sia espressamente vietato a noi trattare prima di fornire questo materiale, non cerchiamo di trarne profitto prima della sua diffusione.