Europa

Le case automobilistiche europee come BMW, Daimler e Renault sono in rialzo oggi a seguito di colloqui commerciali positivi tra il presidente Trump e il Juncker Presidente della Commissione Europea la scorsa notte. Prima della riunione, i trader erano preoccupati che Trump avrebbe fatto seguito alle sua minaccia di infliggere un duro colpo alle tariffe delle auto europee importate negli Stati Uniti. Ora che il rapporto tra le due parti è migliorato, gli operatori stanno facendo scattare le azioni del settore.

Le azioni Sky sono rimaste sostanzialmente invariate anche se la società ha rivelato una robusta serie di numeri per l'intero anno. I ricavi e gli utili anno su anno sono aumentati rispettivamente del 5% e del 9%. La divisione Regno Unito e Irlanda continua ad essere la più forte performer della compagnia, aggiungendo 20.000 nuovi clienti nell'ultimo trimestre. La divisione italiana ha avuto un anno di forti cambiamenti e anche le divisioni tedesche e austriache si sono comportate bene. Sky ha confermato che il loro investimento in contenuti "home-grown" sta pagando, e questo è incoraggiante da sentire dato che al giorno d'oggi il contenuto è il re. Il prezzo delle azioni ha registrato una tendenza al rialzo da dicembre 2016 e, data la battaglia per l'acquisizione dell'azienda, i rialzi potrebbero essere estesi.

Il costo attuale delle forniture di Royal Dutch Shell nel secondo trimestre - che è una misura della redditività - è aumentato del 30%, raggiungendo i 4,69 miliardi di dollari, mentre le previsioni erano per 5,96 miliardi di dollari previsti. Il titano del petrolio ha rivelato un importante piano di disinvestimento nel 2016 e oggi ha confermato che lo schema è quasi completo. Royal Dutch Shell ha rivelato un piano di acquisto di azioni da 25 miliardi di dollari, ma questo dolcificante non è riuscito a sollevare il prezzo delle azioni. Il titolo ha registrato una tendenza al rialzo da marzo e, se la mossa positiva continuasse, potrebbe raggiungere un target di 2.850 penny.

Stati Uniti

Il Dow Jones è in rialzo oggi e il sentiment è stato rafforzato dato che i colloqui commerciali tra Stati Uniti e Unione Europea sono andati bene ieri e la stagione degli utili continua. Il NASDAQ 100 e lo S&P 500 sono in rosso a causa del deludente aggiornamento di Facebook.

Le azioni di Facebook hanno subito un forte sell-off dopo che la società ha rivelato i dati del secondo trimestre la scorsa notte. Il gigante dei social media ha mancato le stime degli analisti azionari sulle entrate e sulla crescita degli utenti. Il vero danno è stato fatto quando la società ha avvertito che la crescita dei ricavi avrebbe continuato a rallentare nella seconda metà del 2018. L'azione ha goduto di un fortissimo rally da marzo e ora la valutazione elevata viene messa in discussione. Per mesi, gli investitori hanno parlato di una sopravvalutazione dell'azione, e sembra che siamo giunti alla conclusione.

McDonald's ha avuto un trimestre difficile, ma la società è comunque riuscita a raggiungere le previsioni. L'utile per azione rettificato è stato di 1,99, mentre gli analisti si aspettavano $ 1,92 e il fatturato di $ 5,35 miliardi, leggermente superiore alla stima di consenso di $ 5,32 miliardi. La reputazione della società di fast food è stata danneggiata negli Stati Uniti dal fatto che ha dovuto richiamare le insalate da circa 3.000 ristoranti in tutto il paese a causa di lattuga contaminata. Le vendite in Europa sono rimaste comunque forti.

Forex

EUR/USD è in discesa in seguito all'aggiornamento di Mario Draghi, il capo della Banca centrale europea. Il banchiere centrale ha confermato che i tassi d'interesse rimarranno in sospeso per tutta l'estate del 2019. La moneta unica è sotto pressione in scia a questo aggiornamento dal momento che i trader non temono un rialzo dei tassi dalla BCE per qualche tempo a venire.

La debolezza dell'euro ha spinto verso l'alto il dollar index e a sua volta anche GBP / USD è stato spinto al ribasso. Non ci sono stati annunci economici importanti dal Regno Unito oggi, quindi la sterlina era alla mercé del dollaro USA.

Materie Prime

L'oro è oggi in ribasso basso a causa del balzo del dollaro USA. L'impennata del biglietto verde alla vigilia dell'incontro della BCE ha spinto i trader a scaricare il metallo. L'oro ha registrato una tendenza al ribasso da aprile, e se la mossa ribassista continuasse potrebbe raggiungere 1,204 dollari. Il WTI e il Brent hanno sperimentato una volatilità relativamente bassa oggi in quanto è stata una sessione tranquilla in termini di notizie. Il petrolio è al di sopra dei minimi del mese e l'Iran è ancora in cima ai pensieri dei trader, mentre gli Stati Uniti hanno preparato le sanzioni per il principale esportatore di petrolio. Le tensioni in Medio Oriente sono elevate dopo che ieri la milizia yemenita Houthi ha attaccato le petroliere dell'Arabia Saudita, e questo ha provocato timori sull'approvvigionamento.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 25/07/2018

-----------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.