Siamo all’inizio di una settimana importante per le banche centrali americana e giapponese con la borsa di Tokyo che ha chiuso in rialzo dello 0,15% a 19.633 punti, ai massimi dal dicembre 2015, mentre alle 8 ora italiana Hong Kong saliva dell’1,1% e Shanghai dello 0,6%. La Banca centrale europea non ha fatto alcun passo verso un'uscita dalla sua politica accomodante. Lo ha affermato Jan Smets, membro del Consiglio direttivo dell'Istituto di Francoforte, puntualizzando che l'outlook dell'inflazione non è migliorato più di tanto rispetto al dicembre scorso. Nel frattempo gli investitori restano in attesa degli eventi principali di una settimana intensa, tra cui a parte la riunione del Fomc con rialzo dei tassi di interesse quasi certo, ci saranno le elezioni in Olanda e il vaglio dei potenziali passi in avanti nella Brexit. Focus anche sul dato definitivo dell'inflazione dell'Eurozona di febbraio in pubblicazione giovedì. Gli ordini di macchinari in Giappone sono scesi a gennaio rispetto al mese precedente, registrando il maggior calo da cinque mesi. Ora attenzione sui numeri di gennaio della produzione industriale italiana. Le stime degli economisti prospettano un possibile inizio dell'anno all'insegna della debolezza, con un calo della produzione dello 0,8% congiunturale dopo il +1,4% di dicembre; per quel che riguarda il dato tendenziale, il consenso è per un rallentamento a +3,3% da +6,6%. Le ultime stime di Confindustria, diffuse a fine febbraio, indicano per gennaio un calo della produzione dell'1,2% su mese, seguito da un rimbalzo dello 0,4% a febbraio L'oro era in rialzo dello 0,5% a 1.207,6 dollari per oncia mentre il petrolio Wti cedeva lo 0,8% a 48,10 dollari al barile, ai minimi degli ultimi quattro mesi. La causa è il balzo della produzione di greggio negli Usa (il dato settimanale è ai massimi dal 1982) che sta cancellando i benefici dell’accordo di dicembre fra Opec e Russia). --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.