Obbligazioni e pacchetto di riforme fiscali

Per come stanno le cose ora, il pacchetto di riforme fiscali aggiungerebbe 1.5 trilioni di maggior deficit al budget nel corso di 10 anni. Questo potenzialmente potrebbe significare maggiori vendite di obbligazioni, uno stimolo economico e interessi più alti per la Fed. Tutto questo potrebbe suggerire rendimenti obbligazionari più alti (quindi prezzi più bassi) e i mercati azionari stanno reagendo coerentemente, con prezzi obbligazionari in discesa.

US T-Note 2 Year Cash Grafico– divergenza rialzista

La discesa dei prezzi obbligazionari implica la salita dei rendimenti. Come si può notare dal grafico qui sopra, l’obbligazione a 2 anni è rimasta in un trend negativo persistente caraterizzato da bassa volatilità. I rendimenti sui T-Note a 2 anni sono saliti dall’1.25% di inizio agosto ai livelli correnti di 1.63%.

Dal mio punto di vista, la cosa interessante di questo grafico è che ora mostra una divergenza rialzista. L’RSI a 14 periodi si sta spingendo al di sopra della zona di ipervenduto, facendo minimi e massimi crescenti. Allo stesso tempo il prezzo sta facendo minimi decrescenti.

Generata da notizie significatice come il piano di riforma fiscale, la divergenza rialzista suggerisce che il mercato potrebbe essere pronto per una delle due seguenti possibilità:

  • Un importante rialzo se le notizie sono deludenti (in questo caso il pacchetto di riforma è meno stimolante per l’economia di quanto è atteso), oppure
  • Un rally da prese di profitto anche se le notizie rispettassero le attese. Un grande ribasso seguito da un rallentamento del momentum indica che il posizionamento del mercato potrebbe essere abbastanza ribassista, ma con delle prese di profitto significative. Questa è la classica situazione da “sell the roumor, buy the fact”.

Una rottura al di sopra della resistenza o dell’RSI o del prezzo potrebbe indicare che il rally sta iniziando a prendere forma.

Implicazioni per gli altri mercati

Un rally correttivo nelle obbligazioni potrebbe probabilmente generare vendite sul dollaro americano basato sulla delusione che i tassi d’interesse non stanno risalendo.

Mi sembra che l’impatto sul mercato azionario sia meno chiaro.

In termini generali ci sono 2 temi principali per le azioni nel pacchetto di riforme fiscali:

  • Tagli potenziali ai costi fiscali per le imprese
  • Un potenziale stimolo economico

Se il mercato fosse deluso dai tagli fiscali alle imprese, ci potrebbero essere pressioni di vendita sulle azioni indipendentemente dall’impatto dello stimolo e dal rally obbligazionario.

Comunque la previsione di un alleggerimento del carico fiscale sulle imprese combinato con una situazione da “sell the rumour, buy the fact” sul mercate azionario potrebbero rappresentare una buona notizia per le azioni. Questo scenario vedrebbe meno tasse e un ritardo in tassi d’interesse più alti, comunque una situazione felice. 

----------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.