I mercati azionari europei hanno reagito con grande vigore all’indomani dello storico annuncio di rialzo dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve, accompagnato da un discorso accomodante da parte di Janet Yellen, la quale ha sottolineato come la stretta sarà molto graduale. Discorso che ha perfettamente soddisfatto le attese degli operatori che hanno fatto balzare i listini europei, con il Dax che guadagna il 2.96% aiutato anche dalla debolezza del dollaro. Meno tonico il mercato inglese con un +0.66% che rispecchia le difficoltà del settore energetico e minerario zavorrato dall’ulteriore ribasso che hanno avuto le materie prime. Una delle conseguenze più chiare è stata la debolezza palesata dal settore delle materie prime, dove si sono visti nuovi ribassi sul rame e sull'oro, il cui prezzo è sceso fino ai minimi degli ultimi 5 anni. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.