Aumentano ancora i rendimenti sul BTP a dieci anni, con il prezzo del future sul BTP in caduta verso quota 123. In questo momento il tasso promesso a chi acquista il titolo di stato italiano a 10 anni è del 3,2%.


La nuova fiammata sul mercato dei titoli sovrani italiani è partita il 28 Settembre mattina, dopo l’annuncio sui dettagli del DEF (Documenti di Economia  e Finanza) che prevedono uno sforamento del deficit/pil a quota 2,4%.
Le novità sono molte e la ricetta proposta spaventa i mercati che attribuiscono all’Italia un rischio più alto.
Per trovare un rendimento del BTP simile a quello che leggiamo in questi giorni dobbiamo tornare indietro sul grafico di oltre 4 anni, più precisamente a Marzo 2014.
All’epoca però la struttura grafica era ben diversa, con un trend dei rendimenti fortemente ribassista che ha portato in 12 mesi (Marzo 2015) il tasso d’interesse sul BTP a 10 anni fino a quota 1,109% sul decennale.
La situazione attuale invece pare molto delicata, con il rendimento che è passato da 1,8% da Maggio scorso, periodo di formazione del governo M5S – Lega, all’attuale 3,2%