Alla fine degli spogli (299 seggi), la CDU di Angela Merkel ha ottenuto il 32,9% e 246 seggi (-65 rispetto alle precedenti elezioni), la SPD il 20,5% e 153 posti in Parlamento (-40 seggi), la AFD il 12,6% e 94 seggi (+94), la FDP il 10,8% e 80 seggi (+80), Die Linke il 9,2% e 69 posti (+5), Die Grüne (i Verdi) l'8,9% e 67 posti (+4). Quarto governo per Angela Merkel ma risultato al di sotto delle aspettative: "Avrei desiderato un risultato migliore, ma abbiamo raggiunto l'obiettivo strategico di queste elezioni: siamo il primo partito e guideremo il prossimo governo", ha detto dopo il voto. Male anche il socialdemocratico Martin Schulz il cui partito ha toccato il minimo storico, poco sopra il 20%: "Stasera finisce la nostra collaborazione con la CDU, la Grosse Koalition ha perso la sua ragion d'essere, questa alleanza di governo è finita, crediamo che l'Spd sarà all'opposizione di questo governo". Notevole la performance del AFD, diventata terza forza politica di Germania con oltre il 13% dei voti.

Secondo gli analisti "I mercati non si aspettavano grandi sorprese da queste elezioni, ma il risultato sorprendentemente elevato del voto a favore del partito di estrema destra AFD rappresenta uno scossone. Non dovrebbe esserci un aumento significativo della volatilità di breve termine, data la reazione sottotono degli investitori a molti dei recenti shock politici. Potrebbe però indebolire la mano della Merkel nella coalizione e avere un impatto sui negoziati della Brexit. A Tokyo Shinzo Abe, annuncerà oggi la convocazione di elezioni anticipate a ottobre con l'obiettivo di rafforzare il governo con Il premier e potrebbe anche di lanciare uno stimolo all'economia del valore di 18 miliardi di dollari. Lo yen è sceso a 112,27 per dollaro. Intanto l'indice Pmi per il settore manifatturiero del Giappone è salito a 52,6 a settembre rispetto al 52,2 registrato ad agosto: si tratta del valore più alto degli ultimi quattro mesi, secondo i dati provvisori Possibili spunti al mercato potrebbero arrivare dall'audizione del numero uno della Bce davanti alla commissione Affari economici e monetari del parlamento europeo. Nella sua ultima uscita di venerdì scorso Mario Draghi ha evitato riferimenti diretti alla politica monetaria e alle modalità di rimodulazione del quantitative easing, il cui annuncio è atteso il mese prossimo.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 25/09/2017

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

<i>Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.</i>

 

[[bold]][[link| | < Torna al blog | http://www.cmcmarkets.it/blog/posts | no ]][[end-bold]]