La riunione dell'Assemblea nazionale del popolo a Pechino ha consegnato molti messaggi chiave riguardanti il piano economico della Cina per il 2019.

Tra questi, la "stabilità" è stata posta in cima all'agenda del governo, superando la stagione delle riforme "supply side" e il "deleveraging" affrontati negli anni precedenti . La decisione di rivedere le previsioni del PIL a un intervallo più realistico del 6,0-6,5% è accolta favorevolmente dal mercato azionario, in quanto consente una maggiore flessibilità per i responsabili delle politiche per cambiare verso in un contesto caratterizzato dal rallentamento della domanda globale e il complicato contesto esterno.

Ulteriori misure di stimolo sono probabilmente in corso, compresi tagli alle imposte sull'IVA, il piano infrastrutturale e programmi mirati di prestito per favorire l'economia reale, evitando allo stesso tempo la crescita di fondi inutilizzati. Il deficit di bilancio è inevitabilmente più ampio quest'anno con meno entrate fiscali e più spese, ma il debito pubblico ufficiale della Cina è a un livello confortevole rispetto al suo PIL, consentendo di effettuare ulteriori stimoli.

Lo Shanghai e Shenzhen Composite hanno sovraperformato il resto dell'Asia dall'inizio di quest'anno, superando una performance del 20%. La politica e la liquidità sono i principali fattori alla base di questo rally, nonostante la debolezza delle metriche fondamentali. A breve termine, il rally in entrambi i mercati sembra essere stato tecnicamente sovraccarico e i dati mostrano che le azioni di buyback di azioni hanno rallentato significativamente di recente.

AUD/USD stamattina è sceso al di sotto dell'area di 0,7060 dopo le letture del PIL australiano inferiori alle attese. La lettura effettiva della crescita del 2,3% su base annua è risultata inferiore alle previsioni di consenso del 2,5%, dando alla Reserve Bank of Australia ulteriori motivi per restare fermi. Il livello di supporto immediato può essere trovato intorno al livello psicologico di 0,700.

Il dollar index ha continuato il suo slancio verso l'alto, estendendo la serie vincente di sei sedute al rialzo contro le altre valute dei paesi del G10. Le vendite di case nuove migliori del previsto hanno riaffermato la forza dell'economia statunitense, invertendo il forte calo dell'attività edilizia residenziale nei due mesi precedenti. Le letture dei PMI servizi, sebbene ancora in una traiettoria discendente, hanno battuto le aspettative di mercato.

Vendita di nuove case– mese su mese

 

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 06/03/2019

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei  CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance