Le azioni statunitensi sono state miste durante la notte, dal momento che gli operatori di mercato hanno valutato l'impatto del deterioramento delle relazioni commerciali tra Stati Uniti e Cina in seguito a un libro bianco pubblicato lunedì dall'agenzia di stampa Xinhua.

L'indice Hang Seng, uno dei pochi indici asiatici che ha aperto lunedì, ha perso l'1,62% ieri. L'indice Straits Times di Singapore ha mostrato resistenza contro questi venti contratri, sostenuto dall'aumento dei prezzi del petrolio greggio.

Nel libro bianco, Pechino ha accusato Washington di "contraddirsi e sfidare continuamente la Cina" e di causare "gravi danni" alle relazioni commerciali. In questo momento, la "guerra fredda" economica sta colpendo la metà di tutte le importazioni statunitensi dalla Cina. Il presidente Trump sta ripetutamente minacciando di mettere la rimanente metà, circa 267 miliardi di dollari di importazioni cinesi, nella sua lista tariffaria, anche a spese dei consumatori statunitensi.

FMI, banche e agenzie di rating sono impegnate a calcolare il danno quantitativo che una guerra commerciale in escalation potrebbe potenzialmente portare all'economia, e quindi al mercato azionario. Il danno collaterale è più probabile che emerga nel 2019, quando le tariffe del 25% entreranno in vigore sulle spedizioni all'ingrosso verso gli Stati Uniti. Prima di questo, le entità commerciali possono scegliere di aumentare le scorte prima dell'inverno, con conseguente boom delle attività commerciali prima delle festività natalizie.

Keppel Corp e SPH di Singapore sono rientrati in un potenziale discorso di dismissione relativo alle loro partecipazioni in M1 - il terzo maggiore operatore di telecomunicazioni di Singapore lunedì. Questo è il loro secondo tentativo dopo una revisione strategica fallita nel luglio dell'anno scorso. L'anno scorso, il prezzo delle azioni di M1 è crollato a luglio dopo la fine della revisione strategica in quanto l'accordo non soddisfaceva i criteri richiesti dai venditori. Il prezzo delle azioni di M1 è diminuito di quasi un altro 20 percento da allora. I titoli di M1 e di Keppel T&T sono sospesi fino a nuovo avviso.

I tre principali azionisti di M1 - l'operatore di telecomunicazioni della Malaysia, Axiata, la Keppel Corp di Singapore e il SPH rappresentano oltre il 60% delle azioni totali di M1 in circolazione.

I player di telecomunicazioni di Singapore hanno sofferto per l'intensificarsi della concorrenza e del mercato locale saturo negli ultimi quattro anni, e gli operatori minori, come M1 e Starhub, sono più vulnerabili ai venti contrari a causa della mancanza di diversificazione. Gli utili per azione (EPS) di M1 sono in calo negli ultimi anni e anche il dividendo in contanti è calato. M1 ha perso quasi il 60% del suo valore di mercato dal picco raggiunto nel 2015, quando il prezzo delle sue azioni è sceso da 3.99 dollari a 1.63 dollari.

Gli annunci di ieri hanno portato una rinnovata speranza per potenziali transazioni di vendita, nonostante sia Keppel che SPH abbiano affermato che "non c'è certezza o garanzia" che qualsiasi transazione si verifichi. Lunedì i prezzi delle azioni di SPH e Keppel Corp sono rimasti invariati.

In caso di importanti transazioni tra gli azionisti, gli investitori possono aspettarsi una qualche forma di consolidamento nello settore telco locale. Telco non è il core business di Keppel o SPH e, pertanto, il disinvestimento in M1 potrebbe consentire loro di concentrarsi su altre aree di forza. Per Axiata, si potrebbero raccogliere fondi attraverso la cessione della partecipazione in M1 e investire in altri mercati in crescita come l'India.

Ora la domanda più grande che circonda gli investitori potrebbe essere, chi è il potenziale acquirente? Eppure abbiamo scarsa chiarezza. Se l'acquirente avesse un obiettivo strategico e potesse rimescolare le attività di M1 e creare sinergie acquisendo le sue principali partecipazioni, si potrebbero catalizzare movimenti di prezzo positivi dopo che la sospensione degli scambi fosse revocata. Un fallimento nella finalizzazione di un accordo, tuttavia, potrebbe causare delusioni e probabilmente innescare un nuovo ciclo di vendite.

Singapore Telco comparison

 

Market Cap (SGD)

EPS - 1 Yr Growth

P/E

ROE

DVD 12M Yld

DVD Payout ratio

M1 Equity

1.51B

-12.45%

11.16

29.11%

6.83%

79.78%

StarHub Equity

2.96B

-25.47%

14.37

73.98%

9.36%

133%

SingTel Equity

51.44B

-4.85%

9.54

12.85%

6.51%

61.38%

       

M1's major shareholders

     

 

% of shares outstanding

Market value (mil SGD)

    

Axiata

28.68%

432.6

    

Keppel Corp

19.32%

291.46

    

SPH

13.45%

202.86

    
       

Total

61.45%

926.92

    
       

Source: Bloomberg

     

 

M1 Limited

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma  Next Generation. Performance nette al 25/09/2018

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance