Mentre l’amministrazione americana sembra ammorbidire la sua linea sugli investimenti dall’estero, resta un certo grado di incertezza sul fatto che questa linea morbida possa durare nel tempo, o se i membri dell’amministrazione con posizioni più da falco ribadiranno la loro linea.

Sembriamo essere al termine di una settimana e un di un mese deludenti per l'azionario europeo a causa dei problemi di rallentamento dell'economia, di politiche interne disfunzionali e anche a causa dell'aumento delle tensioni commerciali, con il Dax che è stato particolarmente colpito per la sua dipendenza dall'export nella generazione dei rendimenti.

Il FTSE100 ha avuto il momento migliore, aiutato dalla risalita delle materie prime e dalla debolezza della stellina nel corso delle ultime settimane, ciononostante i mercati azionari hanno avuto un periodo difficile con il mercato americano che è finito sotto pressione ed è in procinto di chiudere al ribasso per la seconda settimana consecutiva, nonostante la chiusura in rialzo di ieri, in quanto gli investitori stanno approfittando dell'occasione per ritoccare il portafoglio in corrispondenza della fine del trimestre e semestre.

La sterlina ha avuto un trimestre deludente, toccando il minimo contro il dollaro USA quest'anno, indebolito dall'incapacità della Bank of England di far fronte a un rialzo dei tassi ampiamente preannunciato a maggio, nonché dalla crescente incertezza e ansia per il progresso delle trattative sulla Brexit. L'approccio caotico adottato dal governo britannico, così come il fallimento dell'opposizione a obbligare il governo a renderne conto, ha sollevato preoccupazioni circa il calibro della classe politica nell'adottare un processo di uscita ordinato, mentre ci dirigiamo verso la fine del processo di negoziazione.

Si prevede che la revisione finale del PIL del primo trimestre di oggi confermi che l'economia del Regno Unito abbia subito un congelamento a causa dell'ondata di freddo che verrà ricordata come la "Bestia dall'Est" dello 0,1%, tuttavia da quel momento la performance è cresciuta notevolmente, un fatto riconosciuto dal capo economista della Banca d'Inghilterra Andrew Haldane nel commento fatto ieri.

La banca centrale ha preso atto delle preoccupazioni sull'aumento del credito al consumo, anche se questo sembra mostrare segni di rallentamento. Il credito al consumo netto dovrebbe rallentare a maggio per 1,5 miliardi di sterline da 1,8 miliardi di sterline ad aprile, mentre le approvazioni dei mutui dovrebbero anche rallentare a 62,2 mila unità in maggio.

I prezzi del WTI hanno continuato a salire a seguito dell'annuncio del Dipartimento di Stato USA sulle importazioni iraniane, battendo i massimi dell'anno e raggiungendo livelli che si sono visti per l'ultima volta a novembre 2014. In meno di due settimane i prezzi del greggio USA sono aumentati di oltre il 14% rispetto ai minimi di giugno, il che a sua volta potrebbe esercitare pressioni al rialzo sull'inflazione USA, che già si sta dispiegando appena sotto l'obiettivo del 2% della Fed.

Si prevede che il dato sull'inflazione per i consumi "core" di maggio di oggi salirà all'1,9% dall'1,8% di aprile, mentre si prevede che la spesa dei consumatori torni indietro dallo 0,6% di aprile allo 0,4% di maggio. Questo sta accadendo in un contesto di aumenti di reddito personale dello 0,3%, anche se ci si aspetta che sia leggermente più alto per maggio allo 0,4%. L'economia statunitense sembra ancora in condizioni decenti, con il secondo trimestre che dovrebbe superare l'espansione del 1 ° trimestre del 2%, tuttavia sembra che il miglioramento stia accadendo a causa della riduzione dei risparmi da parte dei consumatori statunitensi. L'aumento dei costi del carburante non aiuterà questo rapporto.

In Europa, la recente decisione della Banca centrale europea di annunciare la fine del suo programma di acquisto di asset ha sollevato dubbi sull'opportunità di farlo in un momento in cui le tensioni politiche stanno aumentando e l'attività economica sembra rallentare. Detto questo, l'inflazione sembra tornare in linea con le aspettative e potremmo vedere l'indice dei prezzi al consumo primario tornare all'obiettivo del 2% quando le ultime stime flash per giugno verranno rilasciate più tardi questa mattina, un aumento rispetto all'1,9% di maggio e all'1,2% di aprile.I prezzi core, d'altra parte, rimarranno probabilmente deboli, con le aspettative che potrebbero benissimo arrivare all'1%, leggermente inferiori all'1,1% osservato a maggio. La BCE potrebbe volere che l'inflazione ritorni verso l'obiettivo, tuttavia è probabile che sia il tipo sbagliato di inflazione, il tipo che incide sulla spesa dei consumatori sotto forma di maggiori costi di carburante ed energia.

EURUSD - il ritorno al di sotto dell'area 1.1600 apre un nuovo test dei minimi di maggio a 1.1510 / 20. Una rottura sotto 1.1500 ha il potenziale per aprire una mossa verso il livello 1.1360. Un ritorno al di sopra di 1.1630 stabilizzerebbe la sitazione.

GBPUSD - la discesa al di sotto del supporto della linea di tendenza dai minimi del 2017 a 1,3110 potenzialmente apre le porte ad una mossa più profonda verso 1,2980. Dobbiamo tornare indietro a 1,3120 per una stabilizzazione e discutere per tornare all'area 1.3220.

EURGBP - si è mosso oltre la media mobile a 200 giorni a 0,8830 aprendo le porte per un movimento verso l'area 0,8900. Se torniamo al di sotto di 0.8820, potremmo dirigerci verso l'area 0.8780, con un supporto più ampio a 0.8700.

USDJPY - ieri è tornato sopra l'area di 110,00, rimettendo nel mirino i recenti massimi a 111,00. Il supporto si terova nell'area 109.70 e 109.20.

 

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 29/06/2018

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">cfds">cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance