Aprono in ribasso i listini azionari europei. Il mercato è nervoso. Male il Nikkei che ha archiviato la seduta in calo dell'1,8% a 17.134,68 punti. I mercati asiatici hanno reagito male agli ultimi sondaggi sulle presidenziali Usa pubblicati dalla Abc e dal Washington Post che danno in vantaggio Donald Trump su Hillary Clinton e alcuni analisti sono concordi nel ritenere che "se vince" il candidato repubblicano "potremmo assistere a un massiccio selloff" sui listini. Chiusura in calo anche per Wall Street ieri: il Dow Jones ha perso lo 0,58%, l'S&P 500 lo 0,68% e il Nasdaq Composite lo 0,69%. La giornata sarà caratterizzata dall'attesa per la Federal Reserve, che questa sera annuncerà la sua decisione di politica monetaria. Non è atteso alcun rialzo dei tassi in vista delle elezioni e in mancanza di una conferenza stampa che spieghi questa importante mossa.