I mercati azionari in Europa hanno per lo più perso terreno ieri, dato che i trader hanno preso profitto dopo la settimana di guadagni.

Una robusta performance del settore automobilistico in Germania ha assicurato che il DAX raggiungesse un altro massimo di sei mesi. Le notizie macroeconomiche dall'Europa di ieri non sono state molte e i trader hanno deciso di togliere i soldi dal tavolo prima dell'incontro tra Trump e Liu.

I mercati azionari statunitensi hanno chiuso in rialzo ieri, con il Dow Jones e lo S&P 500 che hanno registrato guadagni mentre il NASDAQ ha chiuso la sessione in rosso. Lo S&P 500 ha registrato la sua prima serie  di sei sedute in rialzo in oltre un anno. Il presidente Trump ha confermato che si stanno facendo progressi nei negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina e che un accordo "epico" potrebbe essere annunciato nelle prossime quattro-sei settimane. Il vicepremier cinese, Lui He, ha dichiarato che è stato raggiunto un consenso in merito alle discussioni commerciali.

Le azioni in Asia sono contrastate  in scia agli aggiornamenti sui negoziati commerciali.

Theresa May terrà un altro giro di colloqui con il partito laburista nel tentativo di superare lo stallo  Brexit. Un certo numero di parlamentari laburisti hanno esortato il loro leader, Jeremy Corbyn, a raggiungere un accordo ed evitare un secondo referendum, mentre altri parlamentari laburisti hanno avvertito che è una trappola e che Theresa May vuole coinvolgere Corbyn per condividere le responsabilità.

Il governo italiano ha ridotto  le sue previsioni di crescita del PIL allo 0,1% dall'1% per il 2019 e prevede che il deficit di bilancio salirà al 2,4%. L'Italia è già in recessione e sembra che le cose andranno di male in peggio. Il FTSEMIB è sceso ieri, dopo aver raggiunto il livello più alto da agosto 2018 nella giornata  di mercoledì.

L'oro è finito sotto pressione ieri a causa del rialzo del dollaro USA. La relazione inversa del metallo con il dollaro  continua, e anche se la Federal Reserve probabilmente resterà ferma con le mani in mano nel breve termine, il dollaro USA potrebbe rimanere relativamente forte.

Ieri la Germania ha pubblicato dati sugli ordinativi industriali terribili. A febbraio, la lettura è diminuita del 4,2%, decisamente distante dallo 0,3% di aumento che gli economisti si aspettavano. La relazione di gennaio è stata rivista dal -2,6% al -2,1%. L'annuncio sembra ribadire il pessimo rapporto PMI manifatturiero che è stato annunciato all'inizio della settimana. Il dato sulla produzione industriale tedesca sarà rilasciata alle 8:00  e la stima di consenso è di una crescita dello 0,5%,  che rappresenterebbe un miglioramento rispetto al -0,8% registrato a gennaio.

Il rapporto sui prezzi delle case  Halifax sarà annunciato alle 9.30  e su base mensile gli operatori si aspettano un calo del 2,4%, in diminuzione  rispetto alla crescita del 5,9% raggiunta a febbraio. La lettura media annua a tre mesi è del 2,3% mentre  la lettura precedente era del 2,8%.

I non farm payroll saranno annunciati alle 14.30 e la stima di consenso è di 170.000 nuovi posti di lavoro per il mese di marzo e si tratterebbe di una cifra di tutto rispetto e rappresenterebbe un enorme miglioramento rispetto ai 20.000 pubblicati a febbraio. Il numero deludente nell'ultima relazione potrebbe essere un segno di debolezza dell'economia statunitense, o potrebbe essere un'indicazione che il mercato del lavoro statunitense si sta stringendo e i datori di lavoro dovrebbero offrire salari più alti per riempire i posti vacanti. Il tasso di disoccupazione dovrebbe mantenersi stabile al 3,8%. Il tasso di crescita medio annuo dei redditi è destinato a rimanere al 3,4%, e su base mensile dovrebbe essere dello 0,3%, il che sarebbe un calo dallo 0,4% di febbraio. La componente salariale del rapporto è diventata più importante ultimamente, visto che i lavoratori statunitensi che guadagnano di più, hanno maggiori probabilità di spendere di più. Inoltre, una forte crescita dei salari potrebbe essere interpretato come un segnale di forza del mercato del lavoro e che i datori di lavoro devono offrire salari più alti per attirare il personale.

Nel corso di questa settimana, il rapporto sull'occupazione dell'ADP ha mostrato che a marzo sono stati aggiunti 129.000 posti di lavoro, che hanno mancato  i 170.000 previsioni, mentre l'annuncio di richieste di sussidio di disoccupazione è sceso a 202.000 - la lettura più bassa da metà gennaio.

Il Canada rivelerà a sua volta i  dati relativi al mercato del lavoro alle 14:30  e il tasso di disoccupazione dovrebbe rimanere al 5,8%, mentre il numero di occupati dovrebbe aumentare di 1.000 unità, il che sarebbe un forte calo rispetto ai 5500 posti di lavoro che sono stati aggiunti a febbraio. Il diavolo è nei dettagli e gli operatori monitoreranno con attenzione i dati relativi agli impieghi full time è part time.

---------------------------------------------------------------------------------

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 04/04/2019

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.