Come previsto la conferenza stampa della Bce di ieri non ha comportato significative novità dopo lo scossone del mese scorso ed è stata l’occasione per Mario Draghi di difendere le scelte fatte dall’Eurotower nell’ultimo periodo. Nei giorni scorsi il ministro dell’economia tedesco Wolfang Schäuble aveva attaccato la Bce e le politiche espansive adottate che avrebbero favorito a suo dire l’ascesa del partito populista Afd in Germania e soprattutto hanno messo sotto pressione la redditività delle banche tedesche e degli assicuratori tedeschi penalizzati dai bassi tassi d’interesse. Draghi ha come al solito rivendicato la piena autonomia della Bce che deve garantire per mandato la stabilità dei prezzi per l’intera Eurozona e ha sottolineato come l’istituto di Francoforte sia stato l’unico in questi anni di crisi a prendere efficaci misure contro la crisi economica. A parte questo bisticcio istituzionale, dopo una rapida risalita nei confronti del dollaro che l’ha portato a quota 1.14, l’euro ha ripiegato verso 1.1270 in una seduta che è stata piuttosto volatile come da attese. I principali listini internazionali hanno avuto una leggera correzione dovuta al ritracciamento avuto dal petrolio. Da sottolineare anche la discesa dello Yen, dovuta a voci che vogliono la Boj pronta a nuove misure in favore delle istituzione finanziarie volte a favorire i prestiti, ad allargare ulteriormente il programma di acquisto di titoli ed infine a spingere i tassi ancora più in basso. Lo yen ha rotto in modo significativo la resistenza posta a 110. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.