Nessuna novità dalla conferenza stampa di Mario Draghi. C'è stato solo l'annuncio di possibili novità: La Banca centrale europea ha lasciato invariata la politica monetaria nella riunione tenutasi oggi a Francoforte. Il mercato si attendeva un nulla di fatto ma certamente sperava almeno in un prolungamento del Programma di acquisto asset che scadrà nel marzo del 2017. Mario Draghi non ne ha fatto accenno. Da qui la delusione, manifestatasi sui mercati azionari europei e sull'euro. Movimenti di breve durata che sono presto rientrati. Draghi forse sarà costretto a muoversi a dicembre, dopo la revisione al ribasso delle stime macroeconomiche elaborate dallo staff della Bce. Il Consiglio direttivo della Bce ha incaricato i comitati competenti di valutare "le opzioni" possibili sul piano di acquisto di titoli pubblici e privati potenziato lo scorso marzo, ha detto Draghi. Un mese fa sarebbe stato il risultato più atteso di questa riunione. Ma nei giorni scorsi i segni di affaticamento dell'economia tedesca avevano fatto pensare a qualcosa di più dalla riunione odierna. L'euro ha reagito rafforzandosi nei confronti del dollaro, superando quota 1,13 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.