Europa


I mercati azionari in Europa sono in gran parte in ribasso poiché gli investitori rimangono nervosi per lo stallo politico tra l'Italia e l'UE sul bilancio. La coalizione anti-establishment a Roma vuole andare avanti e aumentare la spesa, aumentando di conseguneza anche il deficit di bilancio. Bruxelles ha già respinto la proposta, e nessuna delle due parti vuole arrendersi. I timori persistono nel fatto che ciò potrebbe innescare un altro round della crisi del debito dell'eurozona. I rapporti commerciali tesi tra Stati Uniti e Cina è si stanno riversando sul sentiment.

Le azioni di Morrisons sono in rosso dopo che la società ha pubblicato cifre robuste, ma non sono riuscite a soddisfare le aspettative degli analisti. Le vendite del terzo trimestre sono aumentate del 5,6%, mentre gli analisti si aspettavano un aumento del 6,1%. La catena di supermercati ha registrato un balzo del 6,3% nelle vendite del secondo trimestre, quindi anche gli investitori sono stati delusi dal rallentamento della crescita. Il clima caldo durante l'estate e la Coppa del Mondo hanno spinto le vendite più in alto, e quindi l'ultimo quarto dello scorso anno fiscale sarà sempre difficile da eguagliare. Il rapporto di oggi rappresenta il 12 trimestre consecutivo di crescita delle vendite. Negli ultimi anni il gruppo ha registrato una ripresa straordinaria, grazie a negozi rinnovati, a un servizio clienti migliorato e ad iniziative con Ocado e Amazon. Il titolo ha registrato una tendenza al rialzo da marzo e, se riescisse a mantenersi sopra la media mobile a 200 giorni a 243 pence, il trend rialzista potrebbe continuare.

Direct Line ha dichiarato che i premi lordi emessi sono diminuiti del 5,8% nel terzo trimestre. Il declino nelle polizze è in parte dovuto al fatto che le partnership con Sainsbury e Nationwide sono finite. La legislazione è cambiata nel settore e questo ha fatto crollare i premi su tutta la linea. L'amministratore delegato dell'azienda, Paul Geedes, ha affermato che il gruppo sta andando bene in un "mercato competitivo" ed è fiducioso che l'azienda possa raggiungere i suoi obiettivi a medio termine nel 2018. Il titolo è in calo da oltre un anno e se il movimento negativa continuasse potrebbe raggiungere il livello di 300 pence.

Randgold Resources ha confermato che l'utile netto del terzo trimestre è salito del 26% in quanto un calo dei costi di produzione ha aumentato i margini. La produzione di oro per i tre mesi è diminuita dell'1,5%, ma il costo per oncia di produzione è diminuito del 16%. L'aggiornamento positivo arriva appena in tempo per la votazione sulla fudione con Barrick Gold. Gli azionisti prenderanno la loro decisione domani tenendo conto che gli azionisti di Barrick Gold hanno appoggiato la proposta.

Stati Uniti

Le azioni sono leggermente in rialzo in quanto i trader attendono i risultati delle elezioni a medio termine. Si ipotizza che i democratici riprenderanno il controllo della Camera dei rappresentanti e che i repubblicani resteranno con una stretta maggioranza al Senato. Se i repubblicani conservassero il controllo su entrambi i rami del congresso, potrebbe aprirsi la possibilità di ulteriori tagli fiscali per il presidente Trump, cosa che potrebbe influire positivamente sulle azioni negli Stati Uniti. Gli analisti politici prevedono che i risultati saranno pubblicati tra l'una e le 7, ma questa è solo una stima.
   
The Job Openings e Labour Turnover Survey hanno mostrato che sono stati attivati 7 milioni di contratti di lavoro a settembre, in ribasso dal record di 7,29 milioni di agosto. Il numero si è leggermente raffreddato, ma il mercato del lavoro è chiaramente robusto.

Forex

L'incertezza sulla politica degli Stati Uniti ha messo sotto pressione il biglietto verde. Ci sono chiacchiere sul fatto che i democratici riguadagneranno la Camera dei rappresentanti e visto che sono considerati meno pro-business, potremmo vedere la caduta del dollaro, se i democratici facesssero bene.

EUR/USD è in rialzo nella sessione in gran parte per il biglietto verde più debole. La zona euro ha avuto alcuni mediocri rapporti sul PMI servizi questa mattina. Il rapporto italiano ha mostrato che il settore si è contratto, mentre il dato tedesco ha mostrato il rallentamento della crescita.

GBP/USD ha anche beneficiato dello scivolone nel biglietto verde. I colloqui sulla Brexit si stanno surriscaldando e il Primo Ministro May è sicuro che un accordo possa essere raggiunto, ma non è disposta a farlo 'ad ogni costo'. La sterlina è al di sopra del livello di 1,3000, ma la sterlina potrebbe avere difficoltà a proseguire mentre l'incertezza politica continua.

Materie Prime


L'oro ha perso i suoi precedenti guadagni in quanto il dollaro USA non debole come sembrava, e l'andamento del biglietto verde ha messo sotto pressione il metallo. L'oro ha spinto al rialzo da agosto, e finchè tiene sopra il livello di 1,214 dollari, le sue prospettive dovrebbero rimanere positive.

Il petrolio ha sperimentato una bassa volatilità oggi. Ieri gli Stati Uniti hanno implementato sanzioni sull'Iran nel tentativo di mettere pressione sul paese, ma otto nazioni sono esentate dalle sanzioni, quindi la decisione non è stata così severa come inizialmente pensato. Dato il rallentamento in Cina e in India, alcuni operatori sono preoccupati che la domanda di energia potrebbe ridursi.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets piattaforma Next Generation. Performance nette al 06/11/2018

----------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei cfds">CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.