La BOJ ha disatteso le speranze degli investitori relative a nuovi stimoli monetari e gli operatori hanno reagito affossando l’indice Nikkei che ha chiuso con un -3,61%. I mercati europei, in scia con quelli asiatici, hanno aperto la seduta di Giovedì in rosso spingendo gli indici di riferimento oltre i minimi della settimana. La possibilità di un ulteriore allentamento monetario da parte delle banche centrali è stata l’ipotesi che ha sostenuto i mercati gli scorsi giorni. La Fed ha tenuto aperta la possibilità di un aumento dei tasso a giugno, mentre la Banca del Giappone ha per ora rinunciato a portare i tassi sui prestiti bancari in negativo. I risultati deludenti sulle trimestrali di Lloyds e Deutsche Bank hanno affossato il settore bancario in Europa. L’indice FTSE 100 in particolare è stato penalizzato dal settore bancario con Lloyds che è arrivato a perdere in mattinata fino al 4% e Barclays i cui risultati sono stati pubblicati nella seduta di ieri. Gli indici americani sono previsti in calo in apertura. Nonostante le notizie positive provenienti dal fronte della Fed, infatti, a pesare sui listini sarà anche in questo caso la delusione sulle decisioni della BOJ da parte degli operatori. Il Nadaq potrebbe recuperare qualcosa rispetto alla giornata negativa di ieri, appesantita dalle trimestrali di Apple. A spingere l’indice tecnologico saranno soprattutto i dati su Twitter, Facebook a Alphabet (la holding che comprende Google). Gli utili record di Facebook sono sostenuti in particolar modo dalle pubblicità sul traffico sugli smartphone. Il titolo Facebook in preapertura segna un rialzo di oltre 9 punti percentuali, che potrebbe spingere il titolo oltre il massimo dalla quotazione. Il titolo sarebbe potuto salire ancora di più se non fosse per la proposta di creare una nuova classe di azioni (C) che erodere ulteriormente il potere di voto degli azionisti, dando un maggiore potere al fondatore Mark Zuckerberg. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.