Altra giornata interlocutoria per i listini internazionali, con gli operatori di mercato che sono in attesa delle decisioni della Fed che verranno rese pubbliche tra circa un’ora. Piazza Affari ha avuto un leggero rialzo (+0.18%) e l’EuroStoxx 50 ha avuto un guadagno dello0.28%. Addirittura invariato il Dax, mentre l’unica borsa in controtendenza è stata quella di Londra che ha perso lo 0.68%. Oggi c’è stata la pubblicazione di alcuni dati negli Stati Uniti. Le richieste di sussidi di disoccupazione settimanali sono scese di 11 mila unità, bene anche i permessi di costruzione (+3.5%), mentre l’indice curato della Federal Reserve di Philadelfia che misura la condizione delle imprese si è sorprendentemente contrato per la prima volta da febbraio 2014. Anche gli ultimi dati sono contrastanti e rispecchiano l’incertezza del momento. Ormai manca poco ad un evento che media ed operatori hanno caricato di grandi aspettative e fortissimo significato. Tra gli operatori si è diffusa la convinzione che il board della Fed rinvii il rialzo dei tassi, ma sorprese non sono da escludere. Quello che possiamo sicuramente aspettarci è un incremento della volatilità che apre la porta a grandi occasioni e a grandi rischi. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.