Europa

Le azioni in Europa hanno visto molta volatilità oggi. La Banca Centrale Europea ha mantenuto la propria politica monetaria inavariata, in linea con le aspettative. Mario Draghi, il capo della BCE, ha rilasciato una dichiarazione da "colomba". Il banchiere centrale ha avvertito sui rischi al ribasso e ha affermato che è necessario uno stimolo per sostenere l'inflazione.

Wilbur Ross, segretario al commercio degli Stati Uniti, ha rilasciato una dichiarazione contrastante in merito alle trattative  commerciali con la Cina. Ross ha affermato che le due parti sono "a miglia e miglia" dal porre fine alla disputa commerciale, ma ha anche affermato che c'è una buona probabilità che la Cina ottenga un accordo commerciale. Di conseguenza, i principali indici europei sono incerti.

Le azioni di Restaurant Group sono oggi in ribasso dopo che la società ha registrato un aumento dell'1% delle vendite totali, ma le vendite anno su anno per il periodo di 52 settimane sono diminuite del 2%. Il gruppo ha confermato che l'utile rettificato per l'intero esercizio sarà in linea con le aspettative correnti. L'anno scorso, il gruppo ha rilevato Wagamama per 559 milioni di sterline. All'inizio dell'anno, Wagamama ha confermato che i ricavi e gli utili del secondo trimestre sono cresciuti rispettivamente del 15,4% e del 18,7%, quindi sembra che l'acquisizione sia stata sensata. Il settore nel suo insieme sta trovando in difficoltà dal momento che salari e prezzi del cibo in aumento stanno erodendo i margini di profitto. Il titolo ha spinto al ribasso da settembre e se la mossa ribassista continuasse, potrebbe ritestare la regione di 128 pence.

Le azioni di Vodafone sono in rosso dopo che Vodacom, la divisione sudafricana del gruppo, ha registrato un calo delle entrate interne dello 0,9%.

St James's Place ha registrato afflussi netti di 2,6 miliardi di sterline e 3,95 miliardi di sterline lorde nell'ultimo trimestre, mentre il mercato si aspettava, rispettivamente, 2,55 miliardi di sterline e 4,05 miliardi di sterline. Il forte calo dei mercati azionari globali negli ultimi mesi del 2018 ha penalizzato il settore nel suo complesso, ma su base annua, la raccolta netta è cresciuta dell'8%.

Stati Uniti

Il Dow Jones e lo S&P 500 non si sono mossi molto oggi, mentre le osservazioni di Wilbur Ross hanno lasciato gli operatori dubbiosi su come muoversi. I trader sono ancora all'oscuro di quando gli Stati Uniti e la Cina risolveranno la loro disputa commerciale e sembra che la mancanza di dettagli agisca come un limite per i mercati statunitensi.

Le azioni Apple saranno al centro dell'attenzione oggi dopo che la compagnia ha annunciato piani per ridurre 200 posti di lavoro nel suo gruppo di veicoli autonomi - Project Titan. Gli investitori si chiedono quale sarà la prossima mossa della società, il gigante della tecnologia cambierà corsia nel settore automobilistico o creerà software per il settore? Qualche mese fa, ci furono indiscrezioni sul fatto che Apple avrebbe potuto cercare di acquisire Tesla, e quei sussurri potrebbero riemergere.

Southwest Airline ha registrato un record di guadagni nel quarto trimestre e l'utile per azione si è attestato a 1,17 dollari, mentre gli analisti si aspettavano 1,06 dollari. La società si aspetta che i ricavi di posti disponibili per miglia aumentino "dal quattro al cinque percento" all'anno, tenendo a mente che il gruppo ha registrato una crescita dell'1,8% nell'ultimo trimestre. Lo shutdown del governo ha intaccato le entrate di gennaio di oltre 10 milioni di dollari.

Forex

Il Dollar Index  è leggermente in rialzo oggi, in gran parte a causa del calo dell'euro. L'aggiornamento accomodante di Mario Draghi, ha messo sotto pressione l'euro e il dollaro americano ha guadagnato terreno.

EUR/USD è in rosso proprio grazie all'aggiornamento di Draghi. Il banchiere centrale ha affermato che "i rischi per le prospettive si sono spostati verso il basso" e ha anche affermato che "è necessario uno stimolo significativo per sostenere l'inflazione". In un certo modo questo scenario era già scontato, ma ora il mercato conosce ufficialmente la posizione della BCE. All'inizio della sessione, il PMI flash servizi francesi si è attestato al livello più basso in quasi cinque anni, mentre il rapporto PMI del settore manifatturiero tedesco è sceso al minimo storico dal 2013, quindi l'area euro ha chiaramente dei problemi.

La coppia GBP/USD è stata zavorrata dal rally del dollaro statunitense. I trader hanno usato la scusa del biglietto verde più solido per mandare all'incasso parte del profitto del rally di ieri. Un gruppo di parlamentari a Westminster ha ammesso di non avere abbastanza sostegno per un secondo referendum e questo ha finito per  danneggiare anche la sterlina.

Materie Prime

L'oro è in leggero ribasso oggi dato che la salita del dollaro ha intaccato il metallo. Negli ultimi mesi c'è stata una forte relazione inversa tra l'oro e il biglietto verde che è entrata anche oggi in azione.

Il petrolio ha avuto una sessione nervosa dato che le scorte americane in aumento hanno compensato le paure che circondano le sanzioni imposte dagli Stati Uniti al Venezuela. Ieri, l'American Petroleum Institute ha annunciato che le scorte sono aumentate di 6,6 milioni di barili. Si dice che l'amministrazione Trump stia considerando le proprie opzioni in relazione al Venezuela e le sanzioni petrolifere sono rientrano tra le possibilità.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.