E' stata una giornata contrastata  in Europa ieri.

I principali mercati azionari hanno scambiato sotto la parità per la prima metà della sessione, dal momento che il fattore positivo  rappresentato dal rinvio delle tariffe da parte di Trump si era attenuato.

Gli investitori sono stati lieti che le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina non si intensifichino nel breve termine, ma c'è ancora molta strada da fare e l'incertezza permane.

Le azioni dell'Eurozona hanno recuperato le perdite precedenti nel pomeriggio e DAX, CAC 40 e FTSEMIB hanno chiuso in territorio positivo. Il FTSE 100 d'altra parte è stato zavorrato  dal rally nella sterlina e ha chiuso saldamente in rosso.

I mercati azionari asiatici hanno realizzato  piccoli rialzi durante la notte, mentre i trader attendono l'incontro tra il presidente Trump e Kim Jong Un. Il presidente degli Stati Uniti proverà a convincere il leader nordcoreano ad abbandonare le sue ambizioni nucleari.  Gli investitori nella regione si sentono ottimisti riguardo all'incontro.

La sterlina è salita  in scia  ad un aggiornamento da parte di Theresa May. Il primo ministro spera di ottenere ulteriori concessioni dall'UE nelle prossime settimane e poi ci sarà un voto su questo accordo. Considerando quanto fosse impopolare l'accordo originale e la riluttanza dell'UE ad aperture, potremmo assistere a un'altra sconfitta per la sua proposta. Se il suo accordo dovesse essere bocciato, ci sarà un voto sul fatto che i parlamentari vogliano una Brexit senza contratto o no -  ma c'è poco appetito per questa soluzione. Potrebbe esserci anche un voto per estendere l'articolo 50 a seconda di come vanno gli altri voti. La sterlina è salita alle stelle dato che gli operatori ritengono che Brexit potesse essere rinviata.

Le azioni statunitensi hanno chiuso in leggero ribasso la scorsa notte. Jerome Powell, il capo della Federal Reserve, ieri ha parlato davanti alla commissione bancaria del senato. Il capo della Fed ha definito l'economia americana come "sana" e ha descritto  le prospettive come "favorevoli". Il banchiere centrale ha detto che le condizioni finanziarie sono meno favorevoli ora di quelle dell'anno scorso, ma ha chiarito che è disposto a modificare la sua politica qualora fosse necessario.  Powell parlerà ancora oggi alle 16:00.

Gli Stati Uniti hanno rilasciato alcuni dati contrastanti ieri, i permessi di costruzione sono saliti a 1,32 milioni, superando la previsione di 1,29 milioni, mentre gli inizi di alloggi sono scese a 1,07 milioni, mancando  la stima di 1,25 milioni.

Il rapporto sull'indice dei prezzi delle case CaseSchiller ha mostrato che i prezzi sono cresciuti del 4,2% su base annua a dicembre - il tasso più lento dal 2014. Il rapporto sulla fiducia dei consumatori per febbraio è salito a 131,4, superando facilmente le previsioni di 124,7.

Alle 11:00  verrà rilasciato il rapporto sulla fiducia dei consumatori della zona euro, e gli operatori si attendono una lettura di -7,4, che dovrebbe rimanere invariata mese su mese.

Il rapporto sugli ordinativi industriali  negli USA verrà rivelato alle 16:00 e gli economisti prevedono un aumento dello 0,5%, da un calo dello 0,6% a novembre.

EUR/USD - ha ampiamente spinto verso il basso dall'inizio di gennaio e se la mossa negativa continuasse, potrebbe ritestare l'area 1.1216. La resistenza potrebbe essere trovata a 1.1400 o 1.1500.

GBP/USD - la tendenza è al rialzo dall'inizio di dicembre, e se si mantenesse al di sopra della media mobile a 200 giorni a 1,3000, potrebbe ritestare l'area a 1,3300. L'area 1.2775 potrebbe fungere da supporto.

EUR/GBP - finché resta al di sotto della media mobile a 200 giorni a 0,8862,  è probabile che la sua tendenza resti negativa. 0.8620 potrebbe fungere da supporto Un rally potrebbe incontrare resistenza a 0,9000.

USD/JPY - è in rialzo da inizio gennaio, e se la mossa rialzista continuasse potrebbe mirare all'area 112.00. Una rottura al di sotto di 109,50 potrebbe portare a 108,50.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 25/02/2019

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei  CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance