I mercati europei hanno avuto  un'altra sessione positiva ieri, con il FTSE100 che ha toccato il massimo ddell'ultimo mese perché l'ottimismo sui colloqui tra Stati Uniti e Cina e una Fed accomodante hanno continuato a dare un tono marcatamente diverso alle vendite viste verso la fine dello scorso anno.

I mercati statunitensi sono riusciti a chiudere in rialzo per il quarto giorno di seguito, con lo S& P 500 che ha registrato il miglior risultato da settembre dello scorso anno, anche se hanno chiuso lontano dai massimi in scia alle indiscrezioni secondo cui il presidente Trump e la sua controparte democratica Nancy Pelosi hanno rotto le trattative, mentre cercavano un accordo per riaprire gli uffici governativi.

Questo modesto pullback probabilmente vedrà i mercati in Europa aprire leggermente al ribasso questa mattina, con la diminuzione delle prospettive inflazionistiche cinesi rafforzato questa mattina dai bruschi cali sia nell'indice dei prezzi al consumo cinese che nei prezzi alla produzione di dicembre, che si sono attestati rispettivamente all'1,9% e allo 0,9%. Ciò che è stato più evidente è stato il crollo dei prezzi di fabbrica o prezzi alla produzione, dal 2,7% allo 0,9%. Ciò suggerirebbe il rischio che la Cina possa ancora una volta iniziare a esportare un impulso deflazionistico nel resto dell'economia globale, dato che le tendenze nei prezzi alla produzione  tendono a manifestarsi nei numeri dell'indice dei prezzi generali  pochi mesi dopo.

Anche i prezzi del greggio hanno continuato il loro rimbalzo dai minimi di 15 mesi per il  settimo giorno  consecutivo, poiché il tono più conciliante tra Stati Uniti e Cina, tagli alla produzione saudita e dollaro americano più debole, hanno aiutato a mettere sotto un limite alla discesa dei prezzi, innescando qualche ricopertura delle posizioni ribassiste.

Ieri sera i verbali della Fed hanno rivelato che alcuni membri erano un riluttanti a premere il grilletto per un rialzo dei tassi lo scorso mese, data la mancanza di pressioni inflazionistiche. Questa riluttanza non è stata  evidente nella conferenza stampa dopo la riunione quando il presidente Powell è stato molto più aggressivo del previsto, in particolare a proposito della riduzione del bilancio, tuttavia il tono più morbido dalla fine della scorsa settimana ha avuto un impatto notevole sul sentiment, che i colleghi del FOMC hanno rafforzato nei commenti fatti negli ultimi giorni.

Ciò ha avuto l'effetto di mettere sotto pressione il dollaro  questa settimana, in quanto questi commenti hanno contribuito hanno confermato la prudenza della scorsa settimana espressa da Jay Powell, riducendo le aspettative di un ulteriore restringimento aggressivo. In un netto cambiamento di tono rispetto al mese scorso sia Raphael Bostic che James Bullard hanno entrambi suggerito che sarebbero stati aperti a un taglio dei tassi se si fossero verificati rischi al ribasso nei prossimi mesi. Anche se questo può sembrare una dichiarazione ovvia, è qualcosa che non è mai stato affermato in modo così esplicito e arrivando in scia al report dei libri paga del mese scorso rappresenta un segnale che il FOMC  quest' anno sarà probabilmente molto più accomodante di quanto non fosse l'anno scorso.

Anche il capo della Fed di Chicago, Charles Evans, ha affermato che le pressioni inflazionistiche non sono attualmente evidenti. Mentre Bostic, che non è un membro votante quest'anno, Bullard e Evans suggeriscono che, a meno che la loro retorica non cambi nelle prossime settimane, la barra per un futuro restringimento sarà probabilmente piuttosto alta. Bullard e Evans dovrebbero fare ulteriori commenti più tardi oggi insieme al presidente della Fed Jerome Powell, anche se a differenti eventi economici.

La sterlina è stata messa sotto pressione ieri dopo che una coalizione di parlamentari si è riunita per imporre due emendamenti che legherebbero le mani del governo nel preparare contingenze per una Brexit "senza accordo" e richiederebbe al primo ministro May di produrre un piano B per Brexit entro tre giorni nel caso in cui perdesse la votazione parlamentare prevista per la prossima settimana sul suo accordo Brexit, cosa che sembra abbastanza probabile. Gli emendamenti sono stati pubblicizzati  come l'ultimo tentativo da parte dei parlamentari di costringere il governo a non perseguire un'opzione senza alcun accordo, ma in realtà non fanno nulla del genere.

Quello che fanno è impedire al governo di prendere misure per mitigare un risultato "senza accordo" e non fare nulla per risolvere l'enigma su ciò che gli altri parlamentari avrebbero votato. In caso di qualsiasi altra opzione, il Regno Unito lascerà l'Unione europea il 29 marzo, a meno che o i deputati non appoggino l'accordo sul tavolo, o annullino l'atto del Parlamento che separa  il Regno Unito dall'UE, o trovinouna quadra  intorno a una delle seguenti opzioni: o una soluzione per un mercato unico o un'unione doganale o una sua variante, o un secondo referendum.

Ci sono alcuni parlamentari che sembrano desiderosi di cercare di estendere l'articolo 50, tuttavia non è immediatamente chiaro che ciò che si otterrebbe visto che un'estensione non dovrebbe essere spinta oltre le elezioni parlamentari europee di maggio, anche se ci fosse un accordo.Per ora, non vi è alcuna maggioranza in Parlamento per nessuna delle opzioni sopra delineate, il che significa che, allo stato attuale, il Regno Unito lascerà l'UE senza un accordo tra 78 giorni. Nulla di ciò che è accaduto ieri cambia questo fatto, e dall'esterno l'impressione è che i parlamentari non abbiano idea di ciò che stanno cercando di ottenere.Se si trattasse di una partita di calcio, la maggior parte dell'elettorato probabilmente canterebbero: "non sai cosa stai facendo a partire dalla linea laterale".

EURUSD - ieri si è spinto sopra l'area 1.1500 e sembra pronto a dirigersi verso il livello di 1.1600, e potenzialmente verso la media a 200 giorni a 1.1640, se riuscissimo a mantenerci  sopra l'area 1.1420 o il minimo di martedì.

GBPUSD - per ora la sterlina è in difficoltà solo a ridosso dell'area di 1,2820, che deve superare per segnalare il potenziale per ulteriori guadagni. Abbiamo un supporto temporaneo a 1.2680. Una mossa sotto 1.2400 rimetterebbe in discussione  i minimi del 2016 vicino all'area 1.2000.

EURGBP: il livello di 0,9100 rimane una zona chiave di resistenza nonostante un breve massimo a 0,9120 la scorsa settimana. La tendenza  rimane per un ritorno al di sotto di 0,8920 verso il livello 0,8820, poiché l'ampio range  di 0,8700 / 0,9100 che ha dominato negli ultimi quattro mesi rimane intatto.

USDJPY - finché resta al di sotto dell'area 109,20 il dollaro USA è suscettibile di un ritorno all'area 107,50, e di nuovo giù verso l'area 106,00, verso i minimi a 104,60. Abbiamo bisogno di recuperare  l'area 109.20 per discutere di un ritorno all'area 110.30.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 10/01/2019

-----------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.