Apertura di ottava positiva per la maggior parte dei listini europei, con la sola eccezione dell’indice londinese (-0.11%) e dall’indice greco che ha riaperto dopo 5 settimane di chiusura con una perdita del 16.23% zavorrato anche dalla pubblicazione del dato relativo all’indice manifatturiero che ha fatto segnare un drammatico 30.2 (ricordiamo che dati inferiori a 50 indicano una contrazione dell’attività manifatturiera). La borsa di Londra è stata invece penalizzata dall’andamento delle materie prime con oro e petrolio che hanno fatto segnare anche per oggi performance negative. Partiamo dalle notizie positive e dal rialzo che l’indice italiano ha fatto segnare un incoraggiante +0.75% spinto al rialzo dal dato relativo al Pmi Manifatturiero che ha battuto le previsioni attestandosi a 55.3 punti, contro un’attesa di 53.9. A distinguersi in modo particolare è stato l'intero settore bancario, con la sola eccezione di MPS, e il titolo Fca spinto verso l'alto dal dato relativo alle immatricolazioni Usa. Bene anche Telecom Italia, sulla scia delle voci che vogliono in avvicinamento una fusione tra 3 e Wind. Andamento molto simile anche per l'indice tedesco, il cui indice Pmi ha fatto segnare un livello di 51.8 contro una previsione di 51.5. In ribasso invece l'indice inglese che è stato zavorrato dall'andamento delle materie prime come evidenziato dai successivi grafici. Petrolio ancora in ribasso a causa del dato negativo dell'indice manifatturiero cinese e dalla notizia che in breve tempo l'Iran potrà aumentare considerevolemente la sua produzione di petrolio. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.