Europa

I mercati europei hanno avuto un buon inizio di mese, dopo che l'escalation sulla controversia commerciale tra Cina e Stati Uniti è stata rinviata fino al prossimo anno. Alcuni hanno suggerito che è prematuro tirare le conclusioni e per alcuni aspetti è corretto, ma qui ed ora e in assenza di altri elementi resta un risultato positivo e potrebbe portare a forti rialzi nelle settimane avanti.

Nell'orizzonte temporale di un investitore a breve termine, la prospettiva di un'escalation è lontana nel futuro ed ora si colloca in fondo alla lista delle cose di cui preoccuparsi. I produttori di auto hanno avuto decenti rialzi sulla base di indiscrezioni secondo le quali la Cina ha accettato di prendere in considerazione la prospettiva di abbassare le tariffe automobilistiche, anche se questo deve ancora essere confermato dai cinesi.

Le azioni di Daimler, Volkswagen e BMW sono salite notevolmente. L'amministratore delegato di tutte e tre le società automobilistiche tedesche incontrerà domani funzionari dell'amministrazione statunitense per tastare il terreno per quanto riguarda i futuri negoziati commerciali.

Per le notizie aziendali Unilever ha confermato che acquisterà Horlicks, la società indiana controllata da GlaxoSmithKline, una mossa che è stata resa pubblica la scorsa settimana. L'accordo dovrebbe costare 3,3 miliardi di euro e dovrebbe includere il portafoglio di bevande salutari di Glaxo in India e Bangladesh in cui acquisterà una quota dell'82% del business.

Glaxo ha anche annunciato che pagherà  5,1 miliardi  di dollari per Tesaro, una società di oncologia farmaceutica con sede negli Stati Uniti, dal momento che l'amministratore delegato Emma Walmsley continua la sua politica di potenziamento di GSK in quel segmento. Gli investitori non sembrano essere troppo entusiasti dell'idea visto che stanno spingendo le azioni sul fondo del FTSE100.

Le azioni di Thomas Cook hanno continuato a subire pressioni dopo una nota di un broker alla fine della scorsa settimana che le ha etichettate come non raccomandabili per l'investimento, dopo il recente profit warning che ha sollevato la prospettiva che l'azienda potrebbe aver bisogno di raccogliere capitali extra. Sembra esserci una crescente preoccupazione per il fatto che il senior management stia avendo difficoltà a imprimere una svolta nel business e, dati i loro costi generali elevati, vi è la preoccupazione che i margini potrebbero subire ulteriori pressioni. Anche se sembrerebbe che nulla sia sostanzialmente cambiato dalla fine dello scorso anno, l'aumento nell'assicurare il costo del debito della società potrebbe spingere alcuni operatori a rivalutare la propria opinione sulla capacità dell'azienda di uscire dalle sue attuali difficoltà.

La decisione di Stobart Group, proprietari di Southend Airport, di tagliare il dividendo del 4 ° trimestre è anche un altro monito, se ce ne fosse bisogno, che il settore dei viaggi deve tenere a freno i costi e anche se si tratta solo di un taglio modesto, il rendimento è ancora oltre il 5%, serve a ricordare che i margini dovrebbero rimanere magri, con le azioni in forte ribasso, ad un minimo di un anno.

Le azioni di Ted Baker sono  scivolate bruscamente sulla scia dell’ "hug gate" nel fine settimana dopo che è stato riferito che il fondatore e CEO Ray Kelvin si sarebbe concesso troppe libertà alcuni membri dello staff.

Non sono mancare notizie positive, il rivenditore di mobili per la casa Dunelm Group ha avuto una buona giornata dopo un il broker Peel Hunt ha rivisto in positivo il titolo, citando miglioramenti nei margini di vendita in un contesto difficile per i negozi al dettaglio, che dovrebbe farlo sovraperformare nel 2019.

                                       Stati Uniti

I mercati statunitensi hanno iniziato dicembre con il piede giusto, in scia alla forte chiusura della scorsa settimana, dal momento che le preoccupazioni per l'escalation della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina sono state rinviate al prossimo anno.

I produttori di automobili statunitensi hanno goduto di un rialzo dopo che il presidente Trump ha twittato che la Cina aveva accettato di "ridurre e rimuovere" le tariffe sulle importazioni di auto made in USA verso la Cina. Questa affermazione è misteriosamente assente dalla dichiarazione su ciò che è stato concordato da entrambe le parti nel fine settimana, quindi non è immediatamente evidente il motivo per cui il presidente degli Stati Uniti ritiene che la Cina abbia acconsentito a questo, soprattutto perché gli Stati Uniti non hanno ricambiato in nessun altro modo.

In ogni caso, le azioni Ford sono salite, così come quelle di Tesla, dato che il produttore di auto elettriche ha il suo più grande mercato in Cina.

Sul fronte dei dati, l'ultimo sondaggio sulla produzione ISM ha visto un rimbalzo dell'attività economica a novembre a 59,3, dopo un rallentamento in ottobre.  Anche la componente occupazionale ha beneficiato di un miglioramento, tuttavia i prezzi alla produzione hanno visto il loro calo più consistente in sei anni, passando da 71,6 a 60,7, con la maggior parte del calo probabilmente dovuto al prezzo del petrolio. Certamente aggiunge una dinamica interessante alle discussioni sul percorso dei tassi di interesse in un momento in cui le pressioni inflazionistiche mostrano una caduta così significativa.

                                       Forex

La sterlina è stata messa sotto pressione, nonostante i dati economici mostrano un'economia che sta sovraperformando il resto dell'Europa . Le preoccupazioni politiche stanno ancora una volta pesando sul sentiment dato che c'è scetticismo sull'eventualità che l'accordo Brexit ottenuto da Theresa May venga approvato dal parlamento la prossima settimana.

Anche il dollaro americano è sceso, principalmente sulla scia delle percezioni di una prospettiva un po' più accomodante dei funzionari delle banche centrali statunitensi per quanto riguarda il ritmo e la portata di ulteriori aumenti dei tassi negli Stati Uniti mentre guardiamo al prossimo anno.

L'indebolimento del dollaro USA e il tono leggermente più vivace dei mercati hanno contribuito a spingere verso l'alto le valute legate alle materie prime come il dollaro australiano e quello canadese, valute le cui banche centrali mercoledì celebreranno il loro meeting mensile mercoledì. Si prevede che entrambe le banche centrali lasceranno invariati i tassi di interesse.

                                Materie Prime

I prezzi del petrolio greggio hanno inaugurato il mese di dicembre nel migliore dei modi, aiutati per alcuni aspetti dalle indiscrezioni secondo cui la Russia e l'Arabia Saudita potrebbero aver concordato riduzioni della produzione per aiutare a sostenere i prezzi dopo sette settimane di calo e e un calo anche del 30% rispetto ai massimi degli ultimi anni visti in ottobre. Questo accordo non è del tutto noto con i dettagli che probabilmente usciranno questa settimana a Vienna quando l'OPEC si incontrerà, ma il rally presenta alcuni elementi tecnici, con i prezzi del Brent che hanno colto un rimbalzo sulla media mobile a 200 settimane.

Un taglio di produzione di 325 mila  barili al giorno da parte dei produttori canadesi ha anche contribuito a sostenere i prezzi, anche se ora stiamo iniziando a scendere indietro dai massimi giornalieri in un contesto di incertezza sull'entità del taglio. È improbabile che l'uscita del Qatar dall'OPEC possa alterare materialmente le dinamiche di come funziona il cartello, ma dà una visione dell'inquietudine politica che queste alleanze sopportano. Dato il trattamento negli ultimi mesi da parte dei suoi partner, sembrerebbe che i leader del Qatar ritengano che ci sia poco margine per stare in un'organizzazione che non fa nulla per rappresentare i suoi interessi.

Anche la soia ha registrato un forte rialzo per le indiscrezioni secondo cui la Cina avrebbe accettato di acquistare un numero ancora non specificato di prodotti agricoli statunitensi tra cui anche la soia.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets piattaforma Next Generation. Performance nette al 03/12/2018

----------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.