Ha limitato i ribassi ieri Milano chiudendo con una perdita di circa mezzo punto percentuale ed oggi, in attesa del discorso di Draghi alle 14,30, è positiva dell 0.5 %. Spiccavano ieri in uno scenario ribassista due luci rappresentate da Mediaset e Tenaris. I primi rivedono i 3 euro dopo svariato tempo grazie a una performance del 5 %; Tenaris si posiziona a 16,6 con una performance analoga. Cosa è successo? Mediaset dopo 22 mesi di cali consecutivi ha visto crescere la pubblicità a luglio del 3 % (e non c’erano campionati di calcio a gonfiare il valore) e ciò sembra essere incoraggiante per l’intero sistema a cui negli ultimi cinque anni mancano all’appello più di due miliardi all’anno di pubblicità (si è passato da più di nove miliardi di raccolta ai sette attuali). Tenaris di riflesso ha beneficiato del possibile inserimento di dazi doganali negli Usa nei confronti di nove paesi produttori di tubi e ciò permetterebbe finalmente di ridurre l’eccesso di offerta da cui potrebbero aprirsi scenari interessanti per la società che avrebbe meno concorrenza nel posizionarsi negli Stati Uniti con i suoi prodotti. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.