I titoli statunitensi hanno chiuso in rialzo una sessione volatile ieri nonostante i commenti di Larry Kudlow, il principale consulente economico di Trump, che avrebbero potuto essere interpretati sia in chiave positiva che negativa in ottica del raggiungimento di un buon risultato dell'incontro del G20 di questa settimana a Buenos Aires.

I suoi commenti secondo cui i funzionari statunitensi stanno discutendo con funzionari cinesi di vari livelli di governo hanno sollevato delle aspettative sul raggiungimento di una qualche forma di accordo, sebbene questi commenti siano condizionati al fatto che la Cina debba fare di più perché ciò accada.

Ciò suggerirebbe che nonostante tutto l'ottimismo e i commenti di Trump all'inizio di questa settimana, il meglio che possiamo sperare è che eventuali tariffe aggiuntive siano ritardate e quelle attuali siano lasciate ai livelli attuali.

Tuttavia, i mercati azionari hanno scelto di concentrarsi sulle notizie positive, con i mercati asiatici che hanno spinto ancora più in rialzo in attesa dell'incontro chiave di sabato tra Trump e Xi, mentre la stabilizzazione dei prezzi del petrolio sta aiutando anche il sentiment, in vista della prossima riunione OPEC e un blocco della produzione nel Mare del Nord, che sostengono i prezzi a loro volta.

L'attenzione, al di là delle questione geopolitica, rimane sul ciclo di crescita dei tassi della Federal Reserve, con una serie di messaggi contrastanti da parte di diversi responsabili della politica monetaria americana ieri sul ritmo dell'attuale ciclo di aumenti, con Bostic e Bullard che hanno fatto commenti più cauti dei responsabili della Fed.

Con le critiche del Presidente Trump che risuonano rumorosamente nelle sue orecchie, i commenti di oggi del presidente della Fed Jay Powell saranno probabilmente esaminati attentamente per eventuali accenni a una restrizione un po' più accomodante. Non è probabile che cambi la previzione di un rialzo dei tassi il mese prossimo, ma potrebbe suggerire un appiattimento delle proiezioni del punto di arrivo per l'anno prossimo.

Le buone sedute negli Stati Uniti e in Asia si sono tradotte in un'apertura europea positiva questa mattina, con la massima attenzione rivolta alla presentazione degli ultimi stress test della Banca d'Inghilterra sul sistema bancario, nonché alla valutazione del rischio dei rischi Brexit.

I titoli bancari nel Regno Unito hanno avuto un anno deludente, appesantite dalle preoccupazioni per una Brexit senza accordo che suggerirebbe che molte delle cattive notizie siano già state scontate nei prezzi, con Lloyds Banking Group e Royal Bank of Scotland in calo di oltre 15 % da inizio anno.

Tra le notizie aziendali, Unilever sembra essere in pole position per assicurarsi il business indiano Horlicks di GlaxoSmithKline, in vendita come parte del piano di Glaxo per concentrarsi maggiormente sulle sue competenze core del settore farmaceutico in seguito alla recente acquisizione del 36% di Novartis nella joint venture stipulata all'inizio di quest'anno nel settore health care.

Unilever si sta inoltre concentrando maggiormente su una serie di aree chiave avendo venduto la propria “Spreads” un anno fa a KKR per € 6,825 miliardi, scegliendo di focalizzare la propria attenzione su un mercato che ha il potenziale per competere per dimensioni con il mercato cinese. Il prezzo per Horlicks sarebbe tra 3,5 miliardi a 4,5 miliardi di dollari che, dato il potenziale di crescita, sembrerebbe essere conveniente.

Sul fronte degli utili, il settore del commercio al dettaglio negli Stati Uniti è al centro dell'attenzione questa settimana, in particolare alla luce del successo del Black Friday e del Cyber Monday che hanno mostrato forti tendenze all'acquisto. Oggi avremo i numeri per il terzo trimestre da Dicks Sporting Goods in un contesto nel qauale il consumatore americano si è dimostrato molto più in forma quest'anno. Nonostante alcuni dei problemi nel settore della vendita al dettaglio abbiamo visto alcune storie di successo, con le azioni di Dick in rialzo del 20% da inizio anno. Nell'aggiornamento del secondo trimestre, Dick's ha incrementato la guidance per tutto l'anno nonostante abbia mancato i target delle vendite per il rallentamento di Under Armour, che ha zavorrato i numeri generali di vendita. La società ha aggiornato la propria guidance per l'intero anno ad agosto con profitti per azione che dovrebbero attestarsi tra i 3.02 e i 3.20 dollari, quindi qualsiasi delusione potrebbe comportare delle prese di profitto, mentre ci si aspetta che i profitti trimestrali siano di 0,256 $ per azione. .

Sul fronte dei dati avremo gli ultimi dati preliminari del PIL del terzo trimestre per l'economia statunitense che dovrebbe mostrare una crescita annualizzata del 3,6%, in lieve aumento rispetto al precedente 3,5%.

Dow Jones dovrebbe aprire con 54 punti di rialzo a 25,802. Lo S&P 500 dovrebbe aprire con 5 punti di rialzo a 2,687

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets piattaforma Next Generation. Performance nette al 28/11/2018

----------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.