market relief

Europa

I mercati azionari sono in rosso oggi in quanto i trader rimangono cauti riguardo allo stato dell'economia europea. I dati manifatturieri pessimi  di Francia e Germania, da venerdì, sono ancora al centro delle menti dei trader. Le brutte notizie economiche delle due maggiori economie dell'area dell'euro hanno agito da campanello da allarme per gli investitori e una Brexit senza accordo potrebbe essere dolorosa per il continente e per il Regno Unito.

Le azioni Inmarsat sono balzate dopo che è stato annunciato che la società è stata contattata da un consorzio di investitori. Il gruppo di investitori sta offrendo di pagare 546 pence per azione e il consiglio di amministrazione di Inmarsat ha definito l'accordo come "equo e ragionevole" e ha segnalato la loro approvazione dell'accordo.

Le azioni di John Wood Group sono in rosso dopo che Jefferies ha effettuato il downgrade del titolo da "hold" a "underperform", e la banca ha tagliato il suo target di prezzo a 480 pence da 550. La compagnia petrolifera sta pianificando la vendita di asset non core e ripagherà il debito, ma Jefferies ha avvertito che potrebbe esserci un "rischio di dividendo" se le vendite degli asset non andassero i piani.

Le azioni di United Utilities sono in rosso dopo che Deutsche Bank ha abbassato il rating a "hold" da "buy". La banca ha osservato che il titolo ha registrato buoni risultati dall'inizio di ottobre - quando ha emesso un rating positivo per la società - ma ora ritiene che la società non sia più" chiaramente sottovalutata ".

Le azioni di Lonmin sono in rialzo questo pomeriggio nonostante la compagnia confermi che non ha la liquidità necessaria per le nuove operazioni di divertimento. La società estrattiva in difficoltà è in procinto di essere rilevato da Sibanye. Lonmin ha confermato di aver realizzato oltre 8.000 tagli di posti di lavoro come parte per snellire il business.

Stati Uniti

Dopo un inizio traballante, i principali indici statunitensi sono tornati in territorio positivo. L'inversione della curva dei rendimenti obbligazionari statunitensi di venerdì ha spaventato gli investitori ed è considerato un indicatore affidabile di una recessione. L'economia statunitense è in buona forma, ma alcuni dei rapporti economici suggerirebbero una crescita inferiore. Il tanto parlare di una recessione ha danneggiato il sentiment e alcuni individui o società potrebbero alterare il loro comportamento, cosa che potrebbe accelerare il raffreddamento economico.

Apple sarà al centro dell'attenzione oggi in quanto la società ospiterà un evento in cui promuoverà il suo servizio di notizie e il servizio di streaming TV. La compagnia cercherà di recuperare posizioni su Netflix e Amazon Prime. Alcuni investitori pensano che abbiamo raggiunto il picco di vendite dell'iPhone e Apple dovrà iniziare a recuperare una parte maggiore delle sue entrate dal reparto servizi. L'evento si svolgerà alle 18:00 ora italiana.

Forex

La coppia EUR/USD ha recuperato dal forte sell off di venerdì. L'indice Ifo, che misura la fiduzia delle imprese, è salito a 99,7, superando le previsioni di 98,7. La relazione di febbraio è stata rivista da 98,5 a 98,7. I trader hanno accolto con favore la relazione di oggi, soprattutto alla luce dei terribili numeri di produzione che sono stati rivelati venerdì. Vale la pena ricordare che il rapporto Ifo di febbraio è stato il più debole dall'inizio del 2010.

GBP/USD è in rialzo oggi dato che il pullback del biglietto verde ha risollevato la sterlina. La Confederazione dell'industria britannica ha condotto un'indagine sul settore dei servizi finanziari e il sentiment è a dir poco cauto. L'ottimismo nel settore è sceso al suo ritmo più veloce dalla crisi finanziaria.

Materie Prime

L'oro è stato sostenuto dalla discesa del dollaro USA. La relazione inversa tra metallo prezioso con il biglietto verde continua e si sta affermando oggi. L'oro è stato anche aiutato dal nervosismo nei mercati azionari, dal momento che alcuni trader stanno cercando beni rifugio. Il metallo ha avuto una tendenza al rialzo da metà novembre, e se il movimento rialzista dovesse continuare, potrebbe raggiungere la regione di 1.346 dollari.

Il petrolio è in rosso mentre gli investitori sono preoccupati per lo stato dell'economia globale. I rapporti del PMI manifatturiero deludenti provenienti da una serie di importanti economie alla fine della scorsa settimana, combinate con le chiacchiere di una recessione negli Stati Uniti hanno incoraggiato gli operatori a scaricare il petrolio.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 25/03/2019

--------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance