È passato meno di un anno da quando Christian Sewing è subentrato a John Cryan in qualità di CEO della più grande banca tedesca per la crescente insoddisfazione rispetto ai progressi di un piano di risanamento iniziato nel 2016 e che ha mostrato pochi segni di recupero della banca verso la livelli sostenibili di redditività.

John Cryan è riuscito a scongiurare un salvataggio del governo assicurando 8 miliardi di nuovi finanziamenti ancora nell'aprile 2017, qualcosa che sembrava molto improbabile verso la metà del 2016, tuttavia i problemi per Deutsche non hanno mostrato segni di miglioramento e, mentre abbiamo ottenuto un debole recupero, i profitti hanno dimostrato scarsa continuità. Da allora il prezzo delle azioni ha continuato a subire pressioni, toccando minimi record di 6,68 € a dicembre, prima di rimbalzare nel corso delle ultime settimane.

Negli ultimi mesi abbiamo sentito diverse voci di una potenziale fusione con Commerzbank, una banca che a sua volta sta faticando e di cui il governo tedesco possiede una quota del 15%. Non è un segreto che il settore bancario tedesco è straordinariamente competitivo, con un numero significativo di banche regionali, il che significa che i principali centri di profitto per le banche più grandi hanno avuto la tendenza ad essere generate dalle loro operazioni internazionali. Come la maggior parte delle banche ha scoperto negli ultimi anni, anche l'investment banking è diventato significativamente meno redditizio a causa dei tassi più bassi, così come per un controllo regolamentare molto più rigoroso. Abbiamo già visto negli ultimi mesi sia BNP Paribas che Societe Generale annunciano un numero significativo di perdite di posti di lavoro nelle loro divisioni di investment banking, nel tentativo di raggiungere obiettivi prestazionali. Con gli ultimi numeri trimestrali di Deutsche Bank alla fine di questa settimana, i discorsi di una fusione con Commerzbank sono tornati in auge con le notizie secondo cui gli alti dirigenti temono che stiano finendo le opzioni nei loro tentativi di risanare la banca in difficoltà e che potrebbero essere costretti a fondersi entro la metà di quest'anno, se tutto il resto fallisse.

Le notizie di alcuni scandali non hanno aiutato a trasmettere l'immagine di una banca che ha il controllo del proprio destino, con le immagini dei raid della polizia tedesca nella sua sede centrale in seguito ai Panama Papers, oltre ad essere trascinata nelle indagine sul riciclaggio di denaro sporco su Danske Bank negli ultimi 12 mesi. Non sorprende che questo abbia portato alcuni investitori a diventare un po' irrequieti e mentre Sewing sembra avere il loro sostegno per ora, ciò non significa che non siano preoccupati.

La banca è riuscita a ottenere alcune nuove promessi di investimento dal Qatar, cosa incoraggiante, ma questo sembra più un caso di aumento dell'esposizione per recuperare una perdita, più che un riconocimento di fiducia.

È stato riferito che i colloqui di alto livello tra il governo tedesco e l'alta dirigenza sono aumentati nelle ultime settimane, il che suggerisce che alti funzionari tedeschi sono sempre più preoccupati per la salute finanziaria della più grande banca globale tedesca, anche se è proprio il beneficio di una fusione con Commerzbank, i cui problemi sono allo stesso modo gravi, che è al di là della comprensione di molte persone. Se negli ultimi anni abbiamo imparato qualcosa, non risolvi il problema di una banca in difficoltà fondendola con una rivale che sta faticando allo stesso. Se non altro, rende il problema ancora più grande, anche se potrebbe ritardare l'esito finale. Ciò che non aiuterà i funzionari del governo tedesco o il management della Deutsche a dormire di notte è il fatto che i tassi di interesse rimangono ancorati al suolo, con la possibilità di andare ancora più in basso, mentre la crescita si è appiattita nella seconda metà del 2018.

Il consumatore tedesco non sembra essere dell'umore giusto per scialacquare, sempre i numeri di vendita al dettaglio di questa settimana per dicembre sono in qualche modo indicativi, in calo del 4.3% su base mensile e del 2.10% su base annuale .

Tutto ciò si va ad aggiungere anche il rallentamento dell'economia globale e in particolare dei mercati di chiave per le esportazioni tedesche. C'è quindi una preoccupazione crescente che Deutsche Bank potrebbe faticare a resistere a un prolungato rallentamento economico in Europa. Aggiungete poi la possibilità di una Brexit dirompente che potrebbe avere un impatto negativo sul cuore industriale della Germania e non c'è da meravigliarsi se i funzionari tedeschi sono preoccupati di come l'economia tedesca possa fare i conti nel peggiore degli scenari. 

Sia il prezzo delle azioni di Deutsche Bank sia il prezzo delle azioni di Commerzbank sono diminuiti drasticamente in scia alle indiscrezioni sulla fusione, che probabilmente dicono tutto ciò che è necessario sapere su ciò che gli investitori pensano di questa storia. Nell'aprile dell'anno scorso abbiamo utilizzato la metafora di una  sdraio spostata su una nave che affondava parlando della sostituzione di Cryan, ma la reazione di oggi dai mercati suggerirebbe che alcuni investitori si stanno dirigendo verso le scialuppe di salvataggio mentre gli investitori temono che i numeri di questa settimana da Deutsche potrebbero lasciare un cattivo retrogusto. Le aspettative prevedono entrate annue per 25,46 miliardi di euro, un calo del 16% e un utile netto di 710 milioni di euro.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 31/01/2019

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance.