Europa

Le azioni sembrano destinate a terminare saldamente la sessione in rosso sulla scia dei deludenti PMI per il settore manifatturiero e quello servizi in Francia e per il terribile aggiornamento sul settore manifatturiero tedesco.

I PMI produzione e servizi francesi sono stati rispettivamente di 49,8 e 48,7, entrambi in territorio di contrazione. Il rapporto PMI manifatturiero tedesco ha minato la fiducia degli investitori dato che la lettura è scesa a 44,7 punti - la più bassa dal luglio 2012. Gli aggiornamenti sottolineano quanto sia fragile la zona euro e gli operatori sono preoccupati di come la regione potrebbe far fronte in caso di Brexit.

Deutsche Bank ha dichiarato di aspettarsi che i ricavi siano leggermente più alti quest'anno, in quanto si prevede che l'investment banking aumenterà leggermente le entrate. La banca in difficoltà ha ancora problemi in quanto la sua posizione patrimoniale rischia di essere influenzata negativamente da valutazioni di vigilanza pendenti. Sul fronte del contenzioso esistono ancora molte incertezze e le spese sono in linea tendenziale "significativamente" più elevate rispetto al 2018. Nonostante la pessima performance dei corsi azionari negli ultimi mesi, è stato annunciato che alla dirigenza verrà pagato un bonus, il primo in quattro anni. Il discorso di una fusione con Commerzbank è ancora in essere dividendo le parti politiche, ma è improbabile che due banche deboli facciano una banca forte. Il titolo inizialmente è stato scambiato in rialzo nelle prime fasi di contrattazione, ma il più generale sentiment negativo ha poi preso piede e ora il titolo è in rosso.

Smiths Group ha dichiarato che farà uno spin-off dell'unità di dispositivi medici tramite una IPO. Il gruppo ha tentato di unire l'unità con ICM Medical lo scorso anno, ma entrambe le parti non sono riuscite a concludere un accordo. L'azienda ritiene che le opportunità saranno massimizzate dalla scissione. Il gruppo Smiths ha dichiarato che l'utile sottostante per l'intero anno è sceso del 2%, mentre le entrate sottostanti sono aumentate del 2%.

Le azioni di Aggreko sono in rialzo che un paio di broker hanno aggiornato i propri rating. Jefferies ha aumentato il target price a 1,170 pence da 1,100 pence,mentre Stifel ha aumentato il proprio rating dalla hold a buy e aumentato il target price a 880 pence, da 840 pence. In termini di andamento delle quotazioni azionarie, è stato un altro giorno disastroso per Debenhams dato che la società sta cercando di assicurarsi 200 milioni di sterline da istituti di credito nel tentativo di fermare le mosse di Mike Ashley. La catena di negozi al dattaglio in crisi sta facendo tutto il possibile per rimanere libera dalle grinfie di Ashley, ma a spese degli azionisti.

Stati Uniti

I mercati azionari sono in rosso mentre i trader sono preoccupati per lo stato dell'economia globale. Oggi ci sono stati aggiornamenti economici contrastanti dagli Stati Uniti. Le nuove vendite di case sono aumentate a 5,51 milioni di unità, superando la previsione di 4,93 milioni. Il PMI manifatturiero è sceso da 53 a 52, un minimo di 21 mesi, mentre il rapporto PMI sui servizi è calato a 54,8, da 56. Sembra che ci sia una tendenza crescente a rallentare produzione e servizi in tutto il mondo.

Le azioni Nike sono scese a un minimo di un mese, nonostante la scorsa notte la società abbia pubblicato solidi dati del terzo trimestre. L'utile per azione rettificato è stato di 68 centesimi di dollari, superando la previsione di 65 centesimi e le entrate sono state di 9,611 miliardi di dollari, sostanzialmente in linea con le previsioni. Il marchio Converse ha registrato un calo delle vendite del 2% e ciò ha preoccupato alcuni investitori. Le azioni di Boeing sono in rosso dopo che Garuda, una compagnia aerea indonesiana, ha annullato un ordine per 49 737 Max jet. I trader sono preoccupati che questa possa diventare una prassi comune.

Forex

 

EUR/USD è sceso  pesantemente a causa dei pessimi indicatori economici da Francia e Germania. Tra l'annuncio del nuovo programma di prestito mirato da parte della Banca centrale europea all'inizio di questo mese, e ora i deludenti dati di oggi, l'euro ha subito recentemente un duro colpo.

GBP/USD ha avuto una spinta dopo che è stato confermato che la scadenza per Brexit è stata estesa. A seconda di come andrà il voto sull'accordo di ritiro la prossima settimana, il giorno della Brexit potrebbe essere in aprile o maggio.

Materie prime

 

L' oro è stato spinto al rialzo dal momento che i trader hanno visto i dati incerti dagli Stati Uniti come un segno che la Federal Reserve non farà presto aumenti dei tassi. Il sell-off delle azioni globali ha anche spinto l'oro al rialzo dato che i trade hanno attivato la modalità rick-off. Il rally dell'oro è tanto più impressionante vista la spinta al rialzo nel biglietto verde.

Il petrolio è il rosso in quanto i trader si sono ripresi il denaro dal tavolo alla luce dei numeri di produzione deludenti provenienti da Francia, Germania e Stati Uniti. Sono stati raggiunti i massimi degli ultimi mesi questa settimana, quindi gli scarsi aggiornamenti economici sono stati una buona scusa per i trader per tagliare le loro posizioni prima del weekend.

Fonte di tutti i grafici qui presentati: CMC Markets Piattaforma Next Generation. Performance nette al 22/03/2019

--------------------------------------------------------------------

Le notizie e i dati riportati sono finalizzati esclusivamente a fornire informazioni di carattere generale e non hanno come scopo quello di fornire raccomandazioni personalizzate riguardo una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. Nessuna opinione espressa riguardante investimenti o strategie di investimento può pertanto considerarsi adeguata alle caratteristiche di una specifica persona in merito alla sua conoscenza ed esperienza del trading online, dei CFD e del Forex, alla sua situazione finanziaria e ai suoi obiettivi di investimento. Le informazioni riguardanti le passate performance di un investimento o di una strategia di investimento non garantiscono e non sono indicative di future performance